Giro d’Italia Women, quarta tappa alla canadese Clara Emond, in rosa resiste Elisa Longo Borghini

Giro d’Italia Women, quarta tappa alla canadese Clara Emond, in rosa resiste Elisa Longo Borghini

Giro d’Italia Women, quarta tappa alla canadese Clara Emond, in rosa resiste Elisa Longo Borghini


Per la canadese, laureata in legge, è la prima vittoria in carriera. Elisa Longo Borghini ancora al comando della classifica

LA CORSA

Ad alzare le braccia al cielo sul traguardo della quarta tappa del Giro d’Italia Women è Clara Emond. Sul tracciato con partenza a Imola e arrivo a Urbino, l’atleta canadese arriva in solitaria dopo una fuga di cinquanta chilometri. Classe 1997, laureata in legge, Emond conquista così la sua prima vittoria in carriera. Più giù l’altra sfida, quella della classifica: è la gara nella gara tra Lotte Kopecky e Elisa Longo Borghini. La belga tenta l’allungo, ma la campionessa italiana la infila a pochi metri dall’arrivo, conservando la maglia rosa con 13 secondi di vantaggio. Domani la quinta tappa, da Frontone a Foligno, adatta alle velociste. 


LA CORNICE

Velocità, potenza, mobilità, ma anche cultura arte e urbanistica raffinatissima. Questa è la quarta tappa del Giro d’Italia Women. Partenza da Imola arrivo ad Urbino.  La città che accoglie l’inizio di questa frazione, graziosa nel suo essere parte di quella rete risorgimentale che caratterizza quest’area, al posto del cuore pulsante ha un motore rombante che batte nell’autodromo Enzo e Dino Ferrari. Inizialmente dedicato solo al rampollo della famiglia Ferrari, Dino, -prematuramente scomparso- solo successivamente, nel 1988 alla morte di Enzo, i nomi dei due vennero affiancati e il circuito assunse la denominazione attuale. Ospita dal 1979, anno del primo gran premio Dino Ferrari, le gare di Formula 1. Qui il primo maggio 1994, esattamente 30 anni fa, l’incidente mortale di Ayrton Senna, che segnò la storia di questo incredibile tracciato.

Situata nell’area metropolitana di Bologna, sulle pendici dell’Appennino tosco romagnolo al confine con la pianura padana, Imola è dominata da una rocca sforzesca risalente al 1200, circondata da mura fortificate dalle quali è possibile ammirare il panorama del territorio imolese. La città è mobilità a 360°: 100 km di ciclovie si articolano nell’area circostante. Alle 10.30 il via alla corsa rosa che si è conclusa circa quattro ore più tardi nella città simbolo rinascimentale di cultura e raffinatezza. Urbino, una quinta davvero suggestiva , uno scrigno che conserva i tratti del secolo della sua fondazione, bloccata nel tempo. Nel XV secolo diventò uno dei maggiori centri culturali d’Europa grazie a Federico di Montefeltro, condottiero e soprattutto mecenate. Dalla sua corte passarono tutti i più importanti artisti, architetti e scrittori del tempo. Il simbolo della visione di Federico di Montefeltro è evidente nel palazzo ducale e nella sua prestigiosa biblioteca: un edificio di splendida fattura che accoglie oggi la Galleria Nazionale delle Marche. Al suo interno conserva i capolavori di Piero della Francesca e Raffaello Sanzio. Quest’ultimo nacque qui, ed ancora oggi la sua casa e la bottega dove laverò per alcuni anni sono ancora visitabili. Il capoluogo marchigiano è ancora un centro accogliente e brulicante di giovani, grazie alla sua università e ai tanti locali, ristoranti e negozi che coccolano coloro che passano da queste parti. È stata accogliente anche con Clara Emond, che per prima alzato le braccia al traguardo di questa quarta frazione. E anche nel cuore del 1400 la velocità è protagonista.

(ha collaborato Ludovica Marafini)


Argomenti

Ciclismo
Giro d'Italia Women
Imola
Urbino

Gli ultimi articoli di Valentina Iannicelli

  • Giro d’Italia Women, vittoria a Elisa Longo Borghini, successo italiano dopo 16 anni

    Giro d’Italia Women, vittoria a Elisa Longo Borghini, successo italiano dopo 16 anni

  • Giro d’Italia Women, la sesta tappa a Liane Lippert, Longo Borghini difende la maglia rosa

    Giro d’Italia Women, la sesta tappa a Liane Lippert, Longo Borghini difende la maglia rosa

  • Giro d'Italia Women, la terza tappa alla neozelandese Fisher Black, in rosa sempre Elisa Longo Borghini

    Giro d'Italia Women, la terza tappa alla neozelandese Fisher Black, in rosa sempre Elisa Longo Borghini

  • Stupri Caivano: chieste dal pm pene tra 9 e 11 anni per 3 minorenni

    Stupri Caivano: chieste dal pm pene tra 9 e 11 anni per 3 minorenni

  • Si lancia nel vuoto con in braccio il suo bimbo di sei anni

    Si lancia nel vuoto con in braccio il suo bimbo di sei anni

  • Brindisi: assalto a un blindato prortavalori. Traffico bloccato in tutta l'area

    Brindisi: assalto a un blindato prortavalori. Traffico bloccato in tutta l'area

  • Scena muta al liceo Foscarini di Venezia: gli ispettori non rilevano irregolarità

    Scena muta al liceo Foscarini di Venezia: gli ispettori non rilevano irregolarità

  • Party 'abusivo' sull'isolotto delle Femmine a Palermo. La marchesa, proprietaria dell'isola, smentisce

    Party 'abusivo' sull'isolotto delle Femmine a Palermo. La marchesa, proprietaria dell'isola, smentisce

  • Si vota nel Regno Unito. Guida pratica alle elezioni

    Si vota nel Regno Unito. Guida pratica alle elezioni

  • Elezioni in Francia: la triangolazione e le strategie per arginare Le  Pen

    Elezioni in Francia: la triangolazione e le strategie per arginare Le Pen