I due “anni orribili” della regina Elisabetta: tra perdite importanti e pillole di resilienza

06 gennaio 2022, ore 12:00

Potrebbero essere definiti due “anni orribili” gli ultimi due vissuti dalla Regina Elisabetta. In questi 69 anni di regno ci sono stati molti avvenimenti, dall'unione con il principe Filippo, alle perdite tragiche. Tratti, gesti e battute di spirito l'hanno forse avvicinata di più ai propri sudditi e non solo

Due anni orribili per il cuore di quella che siamo abituati a vedere come la sovrana indistruttibile e inscalfibile. Anni per lei caratterizzati da eventi davvero molto difficili, ma anche, per fortuna, da qualche episodio divertente

LA REGINA ELISABETTA E IL PRINCIPE FILIPPO: UN AMORE LUNGO UNA VITA

Una storia d’amore, quella tra la regina Elisabetta e il principe Filippo, che non può essere sintetizzata in poche righe e che cela tanti eventi gioiosi, ma anche alcuni eventi tragici. La relazione tra la futura sovrana d’Inghilterra e il duca d’Edimburgo è nata negli anni ’40, in un’epoca totalmente diversa da quella attuale, dove il corteggiamento era caratterizzato da timidi sguardi e sorrisi accennati. Una giovane -futura regina- Elisabetta rapita dall’aitante Filippo: un uomo tutto d’un pezzo, d’origini greche, arruolato nella Royal Navy ma con un’ironia che ha conquistato da subito la futura sovrana. Da lì, il passo al matrimonio tra i due è stato breve: la cerimonia si è tenuta nell’Abbazia di Westminster nel 1947. Settantatre anni di vita insieme, caratterizzati da tante prove d’amore, di coraggio, di fiducia e di imprevisti. Due vite unite dalla dedizione per la corona, per il loro Paese, per il loro amore (nonostante le dicerie degli anni) e per la loro numerosa famiglia. Nel 1948, infatti, è nato Carlo, seguito dalla principessa Anna, nel 1950. Nel 1960 è nato Andrea e infine, nel 1964, è nato Edoardo. Quella che potrebbe essere definita la loro prima grande prova è accaduta nel 1952, quando re Giorgio VI, padre di Elisabetta, è morto prematuramente. Evento, questo, che ha cambiato la loro vita privata e di coppia per sempre: la regina Elisabetta, infatti, da giovanissima diventa la sovrana d’Inghilterra e il principe Filippo l’ha seguita in questo suo atto di fede. Un viaggio, quello del regno, segnato da diversi avvenimenti che hanno sempre messo a dura prova la regina Elisabetta ma che, di fatto, non l’hanno mai fatta crollare. Almeno non agli occhi dei suoi sudditi e dei media.

GLI AVVENIMENTI D’IMPATTO NELLA VITA DELLA SOVRANA D’INGHILTERRA

A 21 anni, nonostante non fosse previsto, la giovane regina Elisabetta ha annunciato al popolo che la sua vita sarebbe stata spesa al servizio del popolo e al servizio della grande famiglia imperiale. A seguito di scandali e divorzi, oltre all’incendio di un castello, nel 1992 la regina Elisabetta ha dichiarato quello come un “annus horribilis”. Non possiamo non citare la tragica morte della principessa Diana, deceduta a Parigi il 31 agosto 1997 in un drammatico incidente. Lady D aveva da tempo abbandonato il ruolo di moglie di Carlo, ma era comunque una madre amata e rispettata dai suoi figli William e Harry che, tutt’oggi, ricordando la loro madre in pubblico non nascondono l’emozione. Una storia, quella della morte di Lady D, che in quel periodo ha sicuramente messo in discussione la compattezza della famiglia reale. Ma, nonostante ciò, la regina è riuscita a riprendere in mano le redini del suo regno.

LE PERDITE E LE DISFATTE DEGLI ULTIMI DUE ANNI

Gli ultimi due anni, purtroppo, sono stati segnati – oltre che da una pandemia mondiale – da alcuni lutti importanti per la regina, e anche da qualche scandalo. Il 10 aprile del 2019 ha perso la sua migliore amica, Lady Jean Margareth Herbert, una delle sue pochissime confidenti. Sembra che il loro fosse un rapporto davvero molto profondo e che la loro amicizia le legasse da tantissimi anni. Il 9 aprile 2021, neppure un anno dopo, la regina Elisabetta ha subito un altro durissimo colpo: ha dovuto salutare per sempre suo marito, il principe Filippo, deceduto a 99 anni. Anche in un momento simile, la sovrana d’Inghilterra, ha tenuto un comportamento esemplare: l’etichetta reale, infatti, ha previsto dei comportamenti specifici sia per quanto riguarda l’abbigliamento, sia per l’utilizzo dei social network e la pratica di sport. Tutti i membri della famiglia reale, infatti, in quel periodo hanno cambiato le immagini dei loro profili social con foto in bianco e nero, hanno tenuto un abbigliamento esclusivamente nero (mascherina inclusa) e hanno bandito qualsiasi tipo di pratica di sport per un certo periodo di tempo, inviando i sudditi a esibire un segno di rispetto, come giocare con la fascia nera, durante le competizioni sportive. Alla fine del 2021, la regina ha perso anche Ann Fortune FitzRoy, duchessa di Grafton, nonché sua dama di compagnia. Due annus horribilis confermati anche dall’ultima grande perdita per la regina Elisabetta: durante le festività natalizie, la sovrana d’Inghilterra, ha perso Diana Maxwell, un’altra delle sue dame di compagnia. La baronessa aveva 90 anni ed è stata al fianco della regina per quasi 50 anni. Come se non bastasse, negli ultimi mesi, la regina Elisabetta si è – indirettamente- ritrovata al centro della cronaca a causa di suo figlio, il principe Andrea, a causa dello scandalo Epstein. Due anni, quindi, caratterizzati da tanto dolore e tensione che, però, la regina Elisabetta ha saputo gestire come ha sempre fatto negli anni.

I due “anni orribili” della regina Elisabetta: tra perdite importanti e pillole di resilienza

C’È ANCHE SPAZIO PER IL DIVERTIMENTO

Fortunatamente, nonostante le varie sventure, c’è anche spazio per il divertimento nella vita della sovrana d’Inghilterra. Piccole pillole di divertimento, come ormai suo solito mostrare, ma che rimangono impresse nella mente per la loro genuinità. Un esempio è quello che ha portato il nome della sovrana direttamente negli Stati Uniti. Dopo che Harry e Meghan hanno fatto letteralmente a pezzi la royal family accusandola di razzismo, la popolarità dei Windsor negli USA era crollata a picco. Questo evento recente, però, sembra aver calmato le acque. Pare che la regina Elisabetta abbia risposto alla lettera inviatale dalla mamma di una bambina che, lo scorso ottobre, si è vestita come la sovrana: cappellino con fiori, cappottino azzurro, parrucca bianca, guanti, collana di perle, l’immancabile borsetta con tanto di cuccioli di razza corgi ai suoi piedi. La sovrana è sembrata molto divertita da ciò, tanto da rispondere alla bambina, con l’aiuto della sua dama di compagnia, con una lettera che recitava: “Sua Maestà è stata lieta di ricevere la foto di vostra figlia Jalayne nella sua splendida mise e vi augura un felice Natale”. Ha accompagnato la missiva con un libricino di informazioni sui cagnolini royal aggiungendo una nota: “Forse a Jalayane farà piacere riceverlo”. Inutile dire quanto questo gesto abbia compiaciuto il popolo americano, episodio di cui la regina aveva davvero bisogno. Una storia, quella della regina Elisabetta, che sembrerebbe simile a quella di molti, se solo non fosse, appunto, la sovrana d’Inghilterra. La sua vita, però, ci insegna quanto la popolarità e la fama non risparmino nessuno: non importa di quanto denaro sia ricco il nostro conto corrente, né di quante persone ci circondiamo. È importante ricordare, come la regina Elisabetta ci insegna da anni, quanto sia importante e forte il potere della resilienza.

Tags: Gran Bretagna, Londra, Regina Elisabetta, Windsor

Share this story: