Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: caso Maugeri, la Cassazione, 5 anni e 10 mesi all'ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni
- Roma: la Camera approva mozione della maggioranza sulla Tav, impegna il governo a ridiscutere il progetto
- Foligno: scuola, maestro umilia bimbo di colore, guardate quanto è brutto, Miur, sarà sospeso in via cautelare
- Roma: premier Conte precisa, non necessaria una manovra correttiva, misure prudenziali ci mettono al riparo
- Roma: Diciotti, sbarco ritardato, 41 migranti chiedono risarcimento all'Italia, una somma fino a 71mila euro
- Vaticano: Papa apre summit su protezione dei minori nella Chiesa e invoca contro la pedofilia misure concrete
- Calcio: Europa League, ritorno dei sedicesimi di finale, Napoli-Zurigo 2-0, Inter-Rapid Vienna 4-0, Napoli ed Inter agli ottavi
- Sci, mondiali di fondo, sprint a tecnica libera, argento per Federico Pellegrino, oro al norvegese Klaebo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 dicembre 2018

I Lego diventano biologici per salvare l'ecosistema

Vengono assemblati da organismi diversi, come le lucciole e i funghi, così da poter salvare le piante dagli effetti dei cambiamenti climatici

I mattoncini sono stati prelevati da organismi diversi, come le lucciole e i funghi e sono stati assemblati per costruire un sensore per l'ossigeno, capace di proteggere le piante dagli effetti dei cambiamenti climatici. Pubblicata sulla rivista Plant Physiology, la ricerca e' nata dalla collaborazione tra Scuola Superiore Sant'Anna, Università di Pisa e Scuola Normale Superiore. Il sensore è nato dalla biologia sintetica, la disciplina che riproduce al computer e in laboratorio il materiale genetico di organismi che esistono in natura, assemblandoli in modo da ottenere organismi capaci di svolgere funzioni diverse. Nella ricerca condotta in Italia è stato ottenuto un sensore che percepisce le variazioni nei livelli di ossigeno nelle cellule e nei tessuti vegetali. Potrà quindi essere utilizzato per proteggere le piante travolte dalle piogge molto abbondanti, sempre più frequenti. “Si tratta di una combinazione di elementi originari del mondo animale, vegetale e fungino assemblati in maniera opportuna per segnalare la presenza di ossigeno attraverso la produzione di bioluminescenza, fenomeno caratteristico delle lucciole o degli organismi marini”, ha detto Sergio Iacopino, della Scuola Superiore Sant'Anna e primo autore dell'articolo. Dopo i primi test positivi in laboratorio, diventa possibile "guidare specifici processi di crescita e di sviluppo delle piante in risposta agli stress per variazioni in gradienti di ossigeno", ha osservato la chimica Benedetta Mennucci, dell'Università di Pisa. Si comincia quindi a pensare alle possibili applicazioni, ha detto la biologa Beatrice Giuntoli, sempre dell'Università di Pisa. Per esempio il sensore può essere utilizzato per sperimentare strategie di resistenza delle piante sommerse alla mancanza di ossigeno. Per il fisico Francesco Cardarelli, della Scuola Normale Superiore, il sensore e' il frutto di una grande collaborazione interdisciplinare.

I Lego diventano biologici per salvare l'ecosistema