Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Palermo: oggi il 27esimo anniversario della strage di Capaci, furono assassinati il giudice Falcone, la moglie e tre uomini della scorta
- Roma: anniversario strage Capaci, presidente della Repubblica Mattarella, il loro sacrificio motore di riscossa civile, premier Conte, obiettivo fare terra bruciata alla mafia
- Gran Bretagna: seggi aperti nel Paese per le elezioni europee, oggi si vota anche in Olanda
- Milano: bimbo di due anni morto in casa, parla il padre, l'ho picchiato, non credevo che l'avrei ucciso
- Novara: la Questura indaga su morte di un bambino di neppure due anni, giunto in ospedale ormai privo di vita
- Pavia: ragazzo di 15 anni bullizzato e picchiato a scuola, rischia di perdere la vista da un occhio, i genitori denunciano vessazioni durate mesi
- Roma: rapporto Agenzia Entrate-Abi, mercato immobiliare al top dal 2010, +6.5% nel 2018
- Calcio: l'agenzia Agi annuncia il clamoroso accordo fra la Juventus e Pep Guardiola, 24 milioni di euro all'anno per 4 anni, nessuna conferma ufficiale, il titolo vola in Borsa
- Formula 1: oggi prime sessioni di prove libere in vista del Gran Premio di Monaco, volano le Mercedes, la Ferrari insegue, la F1 ricorda Niki Lauda
- Ciclismo: Giro d'Italia, Benedetti vince la 12esima tappa da Cuneo a Pinerolo, maglia rosa per Polanc
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
06 dicembre 2018

I Lego diventano biologici per salvare l'ecosistema

Vengono assemblati da organismi diversi, come le lucciole e i funghi, così da poter salvare le piante dagli effetti dei cambiamenti climatici

I mattoncini sono stati prelevati da organismi diversi, come le lucciole e i funghi e sono stati assemblati per costruire un sensore per l'ossigeno, capace di proteggere le piante dagli effetti dei cambiamenti climatici. Pubblicata sulla rivista Plant Physiology, la ricerca e' nata dalla collaborazione tra Scuola Superiore Sant'Anna, Università di Pisa e Scuola Normale Superiore. Il sensore è nato dalla biologia sintetica, la disciplina che riproduce al computer e in laboratorio il materiale genetico di organismi che esistono in natura, assemblandoli in modo da ottenere organismi capaci di svolgere funzioni diverse. Nella ricerca condotta in Italia è stato ottenuto un sensore che percepisce le variazioni nei livelli di ossigeno nelle cellule e nei tessuti vegetali. Potrà quindi essere utilizzato per proteggere le piante travolte dalle piogge molto abbondanti, sempre più frequenti. “Si tratta di una combinazione di elementi originari del mondo animale, vegetale e fungino assemblati in maniera opportuna per segnalare la presenza di ossigeno attraverso la produzione di bioluminescenza, fenomeno caratteristico delle lucciole o degli organismi marini”, ha detto Sergio Iacopino, della Scuola Superiore Sant'Anna e primo autore dell'articolo. Dopo i primi test positivi in laboratorio, diventa possibile "guidare specifici processi di crescita e di sviluppo delle piante in risposta agli stress per variazioni in gradienti di ossigeno", ha osservato la chimica Benedetta Mennucci, dell'Università di Pisa. Si comincia quindi a pensare alle possibili applicazioni, ha detto la biologa Beatrice Giuntoli, sempre dell'Università di Pisa. Per esempio il sensore può essere utilizzato per sperimentare strategie di resistenza delle piante sommerse alla mancanza di ossigeno. Per il fisico Francesco Cardarelli, della Scuola Normale Superiore, il sensore e' il frutto di una grande collaborazione interdisciplinare.

I Lego diventano biologici per salvare l'ecosistema