Inail: in 3 anni in Italia oltre 4800 episodi di aggressioni fisiche o verbali ai danni del personale sanitario

Inail: in 3 anni in Italia oltre 4800 episodi di aggressioni fisiche o verbali ai danni del personale sanitario

Inail: in 3 anni in Italia oltre 4800 episodi di aggressioni fisiche o verbali ai danni del personale sanitario


I dati sono stati diffusi in occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti di operatori sanitari

Quando gli ospedali si trasformano in una trincea. Sempre più spesso, in Italia, si sente parlare di episodi di violenza fisica o verbale ai danni di operatori sanitari. Nel triennio 2019-2021 sono stati accertati 4.821 casi, per una media di circa 1.600 l'anno. Il dato è stato diffuso in occasione della seconda edizione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari che si celebra il 12 marzo. Tante le indicazioni che emergono dal report della Consulenza statistico-attuariale Inail, il cui contenuto è stato reso noto questa mattina, sul fenomeno in espansione nel nostro Paese. Il 37% delle aggressioni è concentrato nel settore assistenza sanitaria, che include ospedali, case di cura, istituti, cliniche e policlinici universitari. Il 33% dei casi si verifica nei servizi di assistenza sociale residenziale, che comprendono case di riposo, strutture di assistenza infermieristica e centri di accoglienza. Infine, il restante 30% si inserisce nel comparto dell'assistenza sociale non residenziale. 


Le figure professionali maggiormente colpite 

La fotografia dell’Inail ha evidenziato le figure professionali maggiormente esposte. Oltre un terzo delle aggressioni fisiche e verbali riguarda infermieri ed educatori professionali, impegnati in servizi educativi e riabilitativi con minori, tossicodipendenti, alcolisti, carcerati, disabili, pazienti psichiatrici e anziani all'interno di strutture sanitarie o socio-educative. Seguono, con il 29% dei casi, gli operatori socio-sanitari delle professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali. Poi, con il 16%, troviamo le professioni qualificate nei servizi personali e assimilati, in particolare  operatori socio-assistenziali e assistenti-accompagnatori per persone con disabilità. Meno frequenti le aggressioni ai danni dei medici, in base ai dati Inail nell’ambito di questa categoria si registra il 3% dei casi di violenze.


Le aggressioni per fasce di età

Quasi quattro casi di aggressione su 10 si verificano nella fascia 35-49 anni. Il 71%, è bene sottolinearlo, riguarda le donne. Per entrambi i generi invece si rileva nel report Inail che il 23% dei casi di violenze verbali e fisiche interessa gli operatori sanitari fino a 34 anni, il 39% quelli da 35 a 49 anni, il 37% da 50 a 64 anni e l'1% oltre i 64 anni. 



Argomenti

Agenzia Fotogramma
aggressioni ai danni di sanitari
infermieri
ospedali
Inail

Gli ultimi articoli di Alessandra Giannoli

  • Giacomo Bozzoli sorvegliato a vista nel carcere di Brescia chiede di vedere il figlio

    Giacomo Bozzoli sorvegliato a vista nel carcere di Brescia chiede di vedere il figlio

  • Gli angeli stiano con me, così Morgan  dopo le accuse di stalking ai danni di Angelica Schiatti

    Gli angeli stiano con me, così Morgan dopo le accuse di stalking ai danni di Angelica Schiatti

  • Ballottaggio in Francia,  in base alle proiezioni trionfa il Nuovo Fronte Popolare delle sinistre

    Ballottaggio in Francia, in base alle proiezioni trionfa il Nuovo Fronte Popolare delle sinistre

  • Bambina  di tre anni muore in un incidente alle porte di Palermo, il padre ubriaco guidava senza patente

    Bambina di tre anni muore in un incidente alle porte di Palermo, il padre ubriaco guidava senza patente

  • Giudicateci dai fatti,  così il nuovo premier britannico Starmer  dopo il primo Consiglio dei ministri

    Giudicateci dai fatti, così il nuovo premier britannico Starmer dopo il primo Consiglio dei ministri

  • Vigile urbano, positivo all'alcol test, investe e uccide una giovane mamma nel napoletano

    Vigile urbano, positivo all'alcol test, investe e uccide una giovane mamma nel napoletano

  • Mattarella ricorda la strage ferroviaria di Viareggio, la sicurezza nei trasporti deve prevalere su qualsiasi logica di profitto

    Mattarella ricorda la strage ferroviaria di Viareggio, la sicurezza nei trasporti deve prevalere su qualsiasi logica di profitto

  • In corso il Consiglio Europeo, a Bruxelles si tratta sulle nomine dei vertici delle istituzioni

    In corso il Consiglio Europeo, a Bruxelles si tratta sulle nomine dei vertici delle istituzioni

  • L’ira di Giorgia Meloni, sulle nomine ai vertici europei l’Italia messa in un angolo

    L’ira di Giorgia Meloni, sulle nomine ai vertici europei l’Italia messa in un angolo

  • Tragedia di Premariacco, ritrovato sulle sponde del fiume Natisone il corpo di Cristian

    Tragedia di Premariacco, ritrovato sulle sponde del fiume Natisone il corpo di Cristian