Maltempo, la forza della Romagna, tutto a nuovo in otto ore

 11 luglio 2019

Sta ottenendo migliaia di mi piace e di condivisioni la foto, già virale, che mostra la reazione della Riviera Romagnola ai danni del maltempo

Determinazione, forza di volontà e tenacia. Sta ottenendo migliaia di mi piace e di condivisioni la foto, già virale, che mostra la reazione della Riviera Romagnola ai danni provocati dal maltempo che ha flagellato tutta la costa Adriatica. Danni pesanti, spiagge distrutte e strutture da riparare. Le immagini diffuse dal Comune di Cervia e diventate virali in poche ore, riguardano la spiaggia di Milano Marittima. Lì gli operatori che si sono rimboccati le maniche facendo fronte ai danni del maltempo hanno davvero fatto la differenza. E non sono poche le persone che condividono quegli scatti facendo i complimenti a quell’area d’Italia che ha saputo rialzarsi in così poco tempo. Le foto mettono a confronto la situazione delle 10 del mattino e quella delle 19, quando tutto era tornato alla normalità. Il Comune di Cervia ha scritto sui social: “Milano Marittima dopo la tromba d’aria torna alla normalità a tempo di record. A neanche 8 ore dall’evento di questa mattina cittadini e turisti di nuovo al mare! Un intervento massiccio, con 30 mezzi, 25 squadre e oltre 130 operatori insieme a 21 ditte intervenute e alla grande forza di volontà di cittadini e operatori turistici! Tutti gli stabilimenti balneari ripristinati. Viabilità sulle strade principali ripristinata. Linea ferroviaria ripristinata Tutto il Comune di Cervia e il sindaco Massimo Medri ringraziano i vigili del fuoco, la Protezione Civile, le forze dell’ordine, la polizia locale, il Corpo Forestale dello Stato, Cesenatico Servizi e il Comune di Cesenatico, il supporto dell’ Emilia-Romagna, la Prefettura, Hera, Enel, la Cooperativa Bagnini, i volontari e tutti coloro che si sono impegnati in questo sforzo enorme Questo dimostra che tutti insieme si può realizzare l’impossibile!”.
Maltempo, la forza della Romagna, tutto a nuovo in otto ore

Share this story: