Mattarella, la rivoluzione silenziosa delle donne, promotrici del cambiamento. Ancora troppi gli abusi

Mattarella, la rivoluzione silenziosa delle donne, promotrici del cambiamento. Ancora troppi gli abusi

Mattarella, la rivoluzione silenziosa delle donne, promotrici del cambiamento. Ancora troppi gli abusi Photo Credit: agenziafotogramma.it


La cerimonia al Quirinale pone l'attenzione sul ruolo dell'arte, cruciale per quella rivoluzione culturale necessaria nel nostro Paese. E il presidente cita anche Giulia Cecchettin

Motori del cambiamento da sempre, eppure costrette a uno sforzo innaturale per emergere, ispiratrici e mai protagoniste: parla così delle donne il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel corso della cerimonia al Quirinale. "Le ansie di crescita, di emancipazione, l'anticipo del cambiamento recano il segno delle donne. Alcesti, Antigone, Clitemnestra, Fedra, Medea, Elettra, sollecitano tuttora la nostra riflessione, ci parlano ancora" sottolinea Mattarella. "Pensiamo a figure come l'americana Dorothy Day, impegnata prima a sostegno della battaglia delle "suffragette" per il voto alle donne, poi contro la povertà e l'esclusione sociale, infine per la pace". Esempi delle rivoluzioni "silenziose" delle donne. Una rivoluzione che continua, nonostante il peso dei pregiudizi che tuttora sono presenti nelle società che si ritengono più avanzate.


VIOLENZE E FEMMINICIDI

E poi le molestie, le violenze, i femminicidi. Mattarella ricorda Giulia Cecchettin e il dolore che ha coinvolto l’Italia intera con la sua scomparsa. Un Paese che ha bisogno di una profonda azione culturale, in cui l'arte può essere centrale. Ecco perchè il tema della Giornata al Quirinale è stato "Donne dell'arte". A portare la loro testimonianza la cantautrice Etta Scollo, la storica dell'arte Francesca Cappelletti, la scrittrice Helena Janeczek, la street artist Chiara Capobianco, e la Ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità Eugenia Maria Roccella. Ma Mattarella ha voluto rivolgere un saluto particolare ad Alessandra Accardo, l'agente di Polizia che nell'ottobre del 2022 fu stuprata nel porto di Napoli, fortemente impegnata nel contrasto alla violenza sulle donne. "Sono ancora frequenti inaccettabili molestie, pressioni illecite nel mondo del lavoro, discriminazioni, così come da anni viene denunciato. Senza perdere memoria delle violenze".



Argomenti

8 marzo
Donne
Sergio Mattarella
violenza sulle donne

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti