Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, non è cosciente
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione dei Mondiali del 2022 al Qatar, fermato per corruzione Michel Platini
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse e si dice estraneo ai fatti
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, pericoloso e non necessario, Salvini, le tasse vanno abbassate
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona rimane debole
- Pakistan: salvati i quattro alpinisti italiani travolti ieri da una valanga a quota 5.300 metri nel nord del Paese
- Firenze: celebrati funerali Franco Zeffirelli, ultimo saluto in Duomo, duemila persone per l'addio al regista
- Genova: ricostruzione Ponte Morandi, arrestati due amministratori impresa edile campana, vicina a camorra
- Calcio: mondiali femminili, alle 21.00 Italia-Brasile, in palio primo posto del girone, speciale su Rtl 102.5 dalle 20.50
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
26 dicembre 2018

Morto in Valmalenco, autopsia, nessun segno violenza

L’ipotesi concreta è che Mattia Mingarelli possa essere stato vittima di un incidente

Nessun segno di violenza e l'ipotesi che Mattia Mingarelli possa essere stato vittima di un incidente. In estrema sintesi è questo l'esito, al momento ancora parziale, dell'autopsia eseguita nel pomeriggio all'ospedale di Sondrio, sul cadavere del 30enne rappresentante di commercio di Albavilla (Como), il cui corpo è stato ritrovato nel bosco la vigilia di Natale da alcuni sciatori sulla seggiovia di Chiesa in Valmalenco. L’ipotesi, da quanto emergerebbe dall’esame eseguito dal dottor Paolo Tricomi di Lecco, e che Mingarelli potrebbe essere stato vittima di un incidente in montagna. Il giovane aveva raggiunto quella stessa zona lo scorso 7 dicembre per trascorrere il weekend dell'Immacolata nella baita affittata dalla famiglia e che si trova vicina al rifugio "Barchi" il cui gestore aveva poi rinvenuto nella neve il cellulare della vittima. L’uomo era stato anche l’ultimo ad averlo visto.

Morto in Valmalenco, autopsia, nessun segno violenza