Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse e si dice estraneo ai fatti
- Calcio: inchiesta sull' assegnazione dei Mondiali del 2022 al Qatar, fermato per corruzione Michel Platini
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona rimane debole
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, pericoloso e non necessario
- Pakistan: salvati i quattro alpinisti italiani travolti ieri da una valanga a quota 5.300 metri nel nord del Paese
- Firenze: funerali Franco Zeffirelli, ultimo saluto questa mattina in Duomo, duemila persone per l'addio al regista
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, resta in prognosi riservata
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Genova: ricostruzione Ponte Morandi, arrestati due amministratori impresa edile campana, vicina a camorra
- Calcio: mondiali femminili, alle 21.00 Italia-Brasile, in palio primo posto del girone, speciale su Rtl 102.5 dalle 20.50
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
16 dicembre 2018

Napoli, si ripete il miracolo del sangue di San Gennaro

La liquefazione oggi, 16 dicembre, data in cui le invocazioni al Santo fermarono la lava del Vesuvio

E' forse la meno nota tra le date in cui si ripete il prodigio della liquefazione del sangue di San Gennaro, ma quella del 16 dicembre ha una storia di salvezza per Napoli. Si tramanda, infatti, che, in quella data, nel 1631, un'eruzione del Vesuvio, particolarmente spaventosa e che aveva già colpito duramente Portici, Resina ad Ercolano e Torre Annunziata, stava seriamente minacciando di distruggere il capoluogo. La lava era ormai alle porte di Napoli, pronta a demolire i primi edifici, quando i napoletani invocarono l'aiuto di San Gennaro, patrono della città, portando in processione le ampolle del sangue con il busto del Santo fino al ponte dei Granili, oggi ponte della Maddalena. Le ampolle furono rivolte al cielo, in direzione del vulcano e, come per un prodigio inspiegabile, il sangue si sciolse e la lava si fermò. Napoli fu così risparmiata da una tragedia immane. Al termine dell'eruzione, si contarono, in un bilancio complessivo dei danni nei vari territori colpiti, almeno quattromila morti, con centinaia e centinaia di abitazioni completamente distrutte e migliaia di senza tetto. Il magma provocò la morte anche di migliaia di capi di bestiame. Il ripetersi del miracolo è dunque letto come un buon auspicio per la città di Napoli e per la Campania. Quella di oggi è la terza ricorrenza dell'anno in cui si ripete il prodigio. Le altre due sono il 19 settembre, giorno di San Gennaro, patrono di Napoli, e il sabato che precede la prima domenica di maggio. Oggi, il sangue era già sciolto quando l'abate prelato della Cappella di San Gennaro, monsignor Vincenzo De Gregorio, ha aperto la cassaforte che custodisce l'ampolla con le reliquie del santo. A sventolare il fazzoletto, che indica l'avvenuto miracolo, è stato quest'anno il marchese Riccardo Imperiali di Francavilla della Deputazione della Cappella del Tesoro. 

Napoli, si ripete il miracolo del sangue di San Gennaro