Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso Photo Credit: X @vigilidelfuoco


Aperta questa mattina la camera ardente per Patrizia Cormos e Bianca Doros, travolte dalla piena del fiume. "Tutti hanno fatto foto e video e nessuno li ha salvati"

Tutto sarebbe accaduto in circa mezz’ora. La situazione di apparente tranquillità, poi il fiume che diventa tumultuoso e travolge i tre giovani. È quanto emerge dai primi accertamenti, come ha spiegato, in conferenza stampa, il procuratore di Udine Massimo Lia. Aperta un'inchiesta per omicidio colposo, al momento, contro ignoti, mentre si indaga per capire se i soccorsi siano stati tempestivi, come chiesto ieri dal Ministro con delega alla Protezione Civile Nello Musumeci. "Mi preme segnalare che, allo stato, non ci sono elementi specifici che ci fanno andare in questa direzione, ma le verifiche sono in fase iniziale" ha affermato il Procuratore, aggiungendo che “Patrizia Cormos ha fatto 4 telefonate al 112, l’ultima delle quali senza risposta”.


LA CAMERA ARDENTE

Patrizia Cormos, 20 anni, è morta insieme all’amica Bianca Doros, di 23. I loro corpi sono stati recuperati domenica. Al cimitero urbano San Vito di Udine è stata aperta la camera ardente. Le due ragazze sono state vestite da sposa, secondo la tradizione del loro Paese d’origine. Domani pomeriggio previsto un momento di preghiera con due sacerdoti. Poi le salme partiranno alla volta della Romania, dove saranno celebrati i funerali. "Sapeva nuotare, ha aspettato Bianca che non sapeva farlo" ha detto la mamma di Patrizia Cormos. Questa mattina, al Messaggero Veneto, aveva spiegato: "Ciò che più mi addolora è che tutti hanno fatto foto e video e nessuno li ha salvati". 


LE RICERCHE PROSEGUONO

Intanto proseguono, per il quinto giorno consecutivo, le ricerche dell’ultimo disperso, Cristian Casian Molnar, 25 anni. Impegnati sessanta Vigili del Fuoco, anche se le condizioni meteo non facilitano le operazioni.



Argomenti

fiume
Natisone
Procura di Udine
ragazzi

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

  • Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori

    Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori