Nei prossimi giorni in Italia l'uscita, in home video, della riedizione de "Il Padrino-Parte III", capitolo finale della saga di Francis Ford Coppola

04 dicembre 2020, ore 10:00 , agg. alle 16:05

Si chiama "Il Padrino-Coda: La morte di Michael Corleone" ed è la nuova edizione del terzo capitolo della saga tratta dal romando di Mario Puzo e firmata dal regista Francis Ford Coppola

Nei cinema, per la prima volta, nel 1990, "Il Padrino–Parte III" esce in America, nel trentennale del suo debutto, in una nuova versione intitolata "Il Padrino Coda: La morte di Michael Corleone", presente anche in Italia, in home video, nei prossimi giorni. Questa riedizione del famoso terzo capitolo della saga, firmata dal regista Francis Ford Coppola, oltre che essere una versione restaurata, anche dal punto di vista musicale, prevede un nuovo inizio e un nuovo finale e sarà disponibile in Blu-Ray. "Il Padrino-Coda" è accompagnato da un’introduzione di Francis Ford Coppola e nel cast ci sono Al Pacino, Diane Keaton, Andy Garcia, Talia Shire e Sofia Coppola.


Le polemiche sulla scelta di Sofia Coppola

La figlia del regista ottenne la parte di Mary Corleone soltanto all'ultimo momento, dopo la rinuncia dell'attrice Winona Ryder. Quest’ultima, infatti, lasciò il set dopo un giorno di riprese per la stanchezza degli impegni cinematografici di allora, avendo già girato ben 3 film. La decisione di scegliere Sofia non fu condivisa e vide contraria, all'inizio, anche la Paramount. Dopo l’uscita del film l'interpretazione di Sofia venne ritenuta il punto debole della pellicola. Tra l’altro lei appare in tutti e tre i capitoli della saga, in tre ruoli diversi: nel primo è Michael Francis Rizzi, figlio di Connie Corleone e Carlo Rizzi, nel secondo è un'immigrata in viaggio in nave da New York alla Sicilia, mentre nel terzo film è, appunto, Mary. Per il ruolo, comunque, la prima scelta sembra fosse stata Julia Roberts, che declinò l'invito per impegni presi precedentemente. Tra le papabili anche la cantante Madonna ma, per una questione di età, non fu scelta.


Il compenso milionario di Al Pacino

Altre polemiche, prima di iniziare le riprese, riguardarono il compenso di Al Pacino. Al premio Oscar furono offerti 5 milioni di dollari per interpretare, di nuovo, il ruolo di Michael Corleone, ma lui rifiutò chiedendone 7, più bonus sugli incassi. Il regista Francis Ford Coppola, indispettito dal comportamento dell'attore statunitense, minacciò di riscrivere la sceneggiatura partendo con la sequenza iniziale del funerale di Michael. Dopo giorni di trattative Al Pacino accettò i 5 milioni che gli erano stati proposti all'inizio.


Possibile un quarto capitolo della saga ?

"Potrebbe benissimo esserci un Padrino 4, un Padrino 5 e un Padrino 6", ha affermato Francis Ford Coppola, aggiungendo: "Non possiedo Il Padrino". Inoltre la Paramount, ovvero lo studio dietro la trilogia, ha dichiarato che, sebbene non ci siano piani imminenti per un altro film nella saga del Padrino, dato il potere duraturo della sua eredità, rimane una possibilità, qualora dovesse arrivare la storia giusta. Una cosa appare certa, se venissero proposti altri copioni con la famiglia Corleone protagonista e si scegliesse di girare il quarto capitolo della saga, Coppola non sarà coinvolto. Il regista, infatti, ha confermato: "Non ne farò parte. Ma io sono un vecchio. Mi piace che la vita sia un'esperienza dalla quale imparare continuamente. Ho sentito un senso di completamento dopo il primo film, proprio lì avevo messo tutto il potenziale che avevo intravisto nel romanzo di Mario Puzo. Mi sono sentito soddisfatto."

Nei prossimi giorni in Italia l'uscita, in home video, della riedizione de "Il Padrino-Parte III", capitolo finale della saga di Francis Ford Coppola
Tags: Al Pacino, Francis Ford Coppola, Il Padrino-Coda : La morte di Michael Corleone, Julia Roberts, Madonna, Paramount, Sofia Coppola

Share this story: