Processo Impagnatiello: oggi la testimonianza della sorella di Giulia Tramontano, Chiara

Processo Impagnatiello: oggi la testimonianza della sorella di Giulia Tramontano, Chiara

Processo Impagnatiello: oggi la testimonianza della sorella di Giulia Tramontano, Chiara Photo Credit: agenziafotogramma.it


"Mia sorella diceva: tutto ha un sapore strano", lo ha raccontato Chiara Tramontano in aula a Milano, spiegando che Giulia soffriva di violenti e continui mal di stomaco. Impagnatiello è accusato di averla avvelenata per mesi con del topicida

Una testimonianza toccante ma lucida quella che Chiara, sorella di Giulia Tramontano ha reso in aula nella quarta udienza del processo ad Alessandro Impagnatiello. Dal suo racconto emerge che la relazione tra la sorella e l’uomo, accusato di averla uccisa, al settimo mese di gravidanza, era problematica. Che a Giulia era noto che Impagnatiello la tradiva, che la gravidanza non era stata ben accolta in principio dall’uomo tanto che Giulia avrebbe voluto abortire ma poi fu lo stesso Impagnatiello a convincere la sua compagna a non farlo. "Un modo per rassicurare noi familiari", ha detto Chiara Tramontano, "E' stato come buttare acqua sul fuoco, ha portato un po' di quiete anche a noi familiari, eravamo pronti a supportarli". Chiara ha anche raccontato di come sua sorella si lamentasse per ciò che mangiava e beveva: "Tutto ha un sapore strano.  L’acqua odora di candeggina, diceva Giulia" ha aggiunto Chiara spiegando che Giulia  soffriva di costanti e forti dolori allo stomaco per cui non trovava sollievo . Impagnatiello è accusato di aver avvelenato per mesi la vittima con del  topicida.

Una relazione incerta

Chiara Tramontano ha descritto la relazione tra sua sorella e l'uomo che l'ha uccisa: altalenante, incerta a causa del comportamento poco lineare di Impagnatiello. Inoltre,  tra i due "c'erano degli attriti frequenti sugli orari di lavoro e sul tenore di vita della loro coppia, lei era annoiata e lui era spesso assente in settimana e nel weekend preferiva restare a casa".  "Io ero in disaccordo che lei continuasse a stare con lui, io credevo che lui l'aveva tradita ma lei era innamorata", ha  detto ancora la ragazza che poi ha parlato del dolore della sua famiglia:   "Ora ci facciamo forza, siamo più uniti di prima, non ci saranno più occasioni da festeggiare, dobbiamo accettare che dovremmo andare al lavoro e al cimitero. Lavoro e cimitero. Dobbiamo accettare il dolore, la perdita e la rabbia"

 
La testimonianza di un ex collega di Impagnatiello

Un collega dell'ex barman ha ricostruito la serie di bugie che Impagnatiello avrebbe raccontato anche sull'ambiente di lavoro. "Nessuno di noi conosceva della sua doppia vita. Lui a seconda di quello che gli conveniva raccontava della pazzia di Allegra (la ragazza con cui Impagnatiello aveva una seconda relazione parallela, n.d.r) che voleva stare con lui e delle pazzia di Giulia che voleva stare con lui". L'uomo, sentito come teste, ha raccontato  in aula che Impagnatielllo sul lavoro diceva che "la madre era malata terminale" poi "rubava oggetti, al bar, al ristorante e in cucina. Rubò dei coltelli molto costosi che erano in una cassaforte e che poi sono ricomparsi". L'uomo ha anche riferito che tra i colleghi c'era apprensione per la sorte di Giulia, tanto da consigliare alla ragazza che aveva avuto una relazione con il barman di rimanere in contatto con Giulia, in quella sera del 27 maggio del 2023. La sera dell'omicidio.


Argomenti

AlessandroImpagnatiello
ChiaraTramontano
GiuliaTramontano

Gli ultimi articoli di Maria Paola Raiola

  • Ridare il sorriso ai bimbi che vivono nei Paesi più poveri del mondo: la storia dei medici di Operation Smile

    Ridare il sorriso ai bimbi che vivono nei Paesi più poveri del mondo: la storia dei medici di Operation Smile

  • Scuola: via libera al Senato al ddl Valditara sulle valutazioni degli studenti, la condotta peserà di più

    Scuola: via libera al Senato al ddl Valditara sulle valutazioni degli studenti, la condotta peserà di più

  • Genova: uccise la sorella, confermata in appello la condanna a 24 anni e mezzo per Alberto Scagni

    Genova: uccise la sorella, confermata in appello la condanna a 24 anni e mezzo per Alberto Scagni

  • Amadeus lascia la Rai: per lui si spalancano le porte del Nove, il canale del gruppo  Warner Bros  Discovery

    Amadeus lascia la Rai: per lui si spalancano le porte del Nove, il canale del gruppo Warner Bros Discovery

  • Strage Suviana: recuperato anche il corpo dell'ultimo disperso, sette i morti e cinque feriti, 4 ancora ricoverati

    Strage Suviana: recuperato anche il corpo dell'ultimo disperso, sette i morti e cinque feriti, 4 ancora ricoverati

  • Delitto Aosta: il presunto omicida fermato a Lione era già stato denunciato per violenze dalla 22enne francese

    Delitto Aosta: il presunto omicida fermato a Lione era già stato denunciato per violenze dalla 22enne francese

  • Il mistero dell'omicidio della ragazza francese nella chiesa diroccata in Val D'Aosta, si cerca l'assassino

    Il mistero dell'omicidio della ragazza francese nella chiesa diroccata in Val D'Aosta, si cerca l'assassino

  • Medio Oriente: la minaccia di Israele dell'attacco a Rafah rallenta i negoziati

    Medio Oriente: la minaccia di Israele dell'attacco a Rafah rallenta i negoziati

  • Il Vaticano pubblica Dignitas Infinita: no alla maternità surrogata,  la violenza sulle donne è scandalo globale

    Il Vaticano pubblica Dignitas Infinita: no alla maternità surrogata, la violenza sulle donne è scandalo globale

  • L'Iran minaccia: attacco a Israele inevitabile, ma decideremo come e quando rispondere a Tel Aviv

    L'Iran minaccia: attacco a Israele inevitabile, ma decideremo come e quando rispondere a Tel Aviv