Scuola, il pressing delle Regioni per il rinvio. Vaccini, per over 50 scatta l’obbligo anche della terza dose

08 gennaio 2022, ore 18:30

Lunedì il premier Draghi illustrerà le misure del nuovo decreto, nel giorno della riapertura delle scuole dopo le festività. Una vigilia vissuta tra mille paure e appelli al rinvio

L’obiettivo del governo resta quello di riprendere le lezioni in presenza, da lunedì. Ma si moltiplicano le voci preoccupate, a partire da quelle che arrivano dall’interno della scuola. Per il presidente dell'Anp, l’Associazione nazionale presidi, Giannelli "Già in queste ore, il numero di studenti positivi, in alcune scuole, ha raggiunto l'ordine delle decine e addirittura centinaia e questo rende quasi impossibile attuare le procedure previste". Ancora Giannelli aggiunge "Stimiamo che lunedì potrebbero essere assenti 100.000 dipendenti della scuola su un milione - tra docenti e personale Ata - ovvero un 10% del totale, per le più svariate questioni legate a Covid, quarantene, vaccini eccetera". Il governatore del Veneto Zaia chiede "l'autorevole espressione scientifica del Cts" sulla questione, perchè "abbiamo davanti uno scenario che sarà un calvario per la scuola, tra insegnanti colpiti dal Covid, altri assenti per malattia, altri no vax e nuove regole della Dad. Insomma quella della scuola rischia d'essere una falsa apertura". La Sicilia rinvia di tre giorni la riapertura, per verificare tutti gli aspetti organizzativi a causa dell'aumento dei contagi. Il governo intende impugnare l’ordinanza del governatore della Campania De Luca sulla chiusura di elementari e medie.

MIUR, SCUOLE POSSONO VISIONARE SITUAZIONE VACCINALE STUDENTI

Alle medie e alle superiori con due positivi in classe i requisiti per frequentare in presenza, "durante il regime di autosorveglianza, devono essere dimostrati dall'alunno". Dunque, viene precisato dal ministero dell’Istruzione, la norma "autorizza le scuole a prendere visione della situazione vaccinale degli studenti, senza che ciò comporti una violazione della privacy". Ma il numero uno dei presidi Giannelli si dice contrario I ragazzi non possono essere messi in imbarazzo”, più corretto sarebbe ottenere i dati dalle Asl. Nella nota operativa inviata alle scuole in vista della riapertura degli istituti il Miur ricorda che si prevedono "tamponi gratuiti per chi è in regime di autosorveglianza. Tamponi che potranno essere effettuati presso le farmacie e le strutture convenzionate".

DRAGHI TERRA' LUNEDI' CONFERENZA STAMPA SULLE NUOVE MISURE

Il premier Mario Draghi terrà lunedì una conferenza stampa dopo l'ok al nuovo decreto con gli aiuti per le attività colpite dalla stretta anti-Covid. Una conferenza stampa che coincide con la riapertura di scuole e attività per illustrare il pacchetto di misure messe in campo nelle ultime settimane per contrastare l'avanzata della variante Omicron.

MULTA A OVER 50 NO VAX, 100 EURO ANCHE A CHI NON FA BOOSTER

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale è in vigore già da oggi l'ultimo decreto del Governo sulle misure anti-Covid, con l'obbligo vaccinale per gli over50 e il divieto d'accesso ai luoghi di lavoro senza super pass in questa fascia d'età dal 15 febbraio. Quanto alla sanzione di 100 euro una tantum, il dl stabilisce che scatteràper gli over 50 che, alla data del prossimo 1 febbraio, non hanno iniziato il ciclo vaccinale primario; che, a decorrere dall'1 febbraio, non hanno completato il ciclo primario; o che, sempre dall'1 febbraio, non hanno fatto la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario entro i termini di validità delle certificazioni verdi".

ISS, NON VACCINATI 25,6 VOLTE DI PIU' IN TERAPIA INTENSIVA

Nel report esteso l’Istituto Superiore di Sanità, oggi, sottolinea che i non vaccinati in terapia intensiva sono 25,6 volte più numerosi rispetto a coloro che hanno avuto tre dosi di vaccino. In due settimane si contano quasi un milione di contagi e 721 morti, i casi stanno crescendo tra i sanitari, da 3mila a 9 mila. L'epidemia avanza in modo esponenziale, tanto che, secondo il fisico Giorgio Sestili, il tempo di raddoppio di circa 7 giorni lascia prevedere circa 400.000 casi al giorno per la prossima settimana: così numerosi che sarà impossibile tracciarli. Di conseguenza l'unica fotografia dell'epidemia potrà basarsi solo sui ricoveri.

VACCINI: FIGLIUOLO, IERI TRIPLICATE DOSI A OVER 50

Ieri sono state somministrate 65 mila prime dosi di vaccino, un valore del 60% superiore rispetto alla media giornaliera registrata nella settimana precedente. Lo evidenzia la struttura del commissario Francesco Figliuolo. Con riferimento alla fascia di età over 50, quella interessata dall'obbligo vaccinale introdotto dal nuovo decreto, il dato di ieri - pari a 15.239 - rappresenta il triplo di quello medio registrato nei sette giorni precedenti, pari a circa 5.500 prime somministrazioni al giorno.

Scuola, il pressing delle Regioni per il rinvio. Vaccini, per over 50 scatta l’obbligo anche della terza dose

BOLLETTINO QUOTIDIANO

Sono 197.552 i nuovi contagi, 184 le vittime, con oltre 1milione 200 mila tamponi il tasso di positività è al 16%. Sono 1.557 i pazienti in terapia intensiva, 58 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 154. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 14.930, ovvero 339 in più rispetto a ieri.

Tags: Covid, Dad, Mario Draghi, Presidi, Regioni, Scuola

Share this story: