Stati Uniti, doveva essere il più grande aeroporto al mondo, ma non è mai stato aperto

12 aprile 2021, ore 19:00

Il progetto dell'Everglades Jetport fu lanciato nel 1968, ma è poi finito nel nulla

Il più grande aeroporto al mondo

Doveva essere il più grande aeroporto del mondo, un affascinante hub intercontinentale per aerei di linea supersonici con sei piste e collegamenti ferroviari ad alta velocità con le città circostanti. Ma oggi è poco più di una pista di atterraggio nel bel mezzo del nulla. L'Everglades Jetport, come veniva chiamato quando il progetto fu lanciato nel 1968, iniziò la sua attività proprio alla fine dell'età dell'oro dei viaggi aerei, quando le cabine erano piene del fumo dei sigari e del tintinnio dell'argenteria. Il Concorde stava per effettuare il suo primo volo, mentre Boeing stava lavorando su un aereo passeggeri supersonico ancora più grande e veloce, il 2707.


Alla ricerca del luogo ideale

Con una forte domanda per viaggi più veloci del suono, la Florida del sud pareva il luogo ideale per un hub, perché il temuto "boom sonoro" sarebbe potuto avvenire in modo innocuo sull'oceano. Ma non è stato così. L'aviazione commerciale stava per entrare in un'era diversa e le preoccupazioni ambientali portarono alla cancellazione del grande piano per l'Everglades Jetport dopo che era stata costruita una sola pista. Ora, quella passerella solitaria funziona sia come campo di allenamento sia come ricordo nostalgico di un sogno che non si è mai materializzato. L'aeroporto è noto come Dade-Collier Training and Transition Airport ed è gestito dal Miami Dade Aviation Department.


Un sogno finito male

"Alcune persone pensano che sia abbandonato, ma non lo è", ha detto Lonny Craven, che gestisce il campo d'aviazione per il Miami-Dade Aviation Department. Nel piano originale, il Jetport sarebbe dovuto essere cinque volte più grande del JFK di New York e gestire futuristici aerei di linea supersonici. Per costruirlo, l'autorità portuale della contea di Dade ha acquistato 39 miglia quadrate di terreno paludoso disabitato, 36 miglia a ovest del quartiere degli affari di Miami e solo sei miglia a nord del Parco nazionale delle Everglades, ma le preoccupazioni ambientali hanno cominciato a sorgere subito dopo l'inizio della costruzione. Un rapporto del 1969 affermava infatti che il progetto avrebbe "distrutto l'ecosistema della Florida meridionale e quindi il Parco nazionale delle Everglades". Sostenuto da residenti e attivisti locali, il rapporto ha portato al Patto Jetport delle Everglades, che nel 1970 ha interrotto tutti i lavori. Nel marzo 1971, nonostante il forte sostegno del progetto da parte dell'amministrazione del presidente Richard Nixon, il Senato degli Stati Uniti ha rifiutato ulteriori finanziamenti e il progetto è stato annullato il 20 maggio 1971.


Un utilizzo alternativo

L'unica pista dell'Everglade Jetport, mai aperta ai passeggeri, è diventata popolare tra i piloti in addestramento, che hanno approfittato della posizione remota e dell'assenza di qualsiasi altra struttura nell'area. "È stato utilizzato molto negli anni '70, '80 e probabilmente fino alla metà degli anni '90, dalle compagnie aeree per andare là fuori e fare touch and go", ha detto Craven. Un "touch and go" si verifica quando un aereo atterra e decolla di nuovo prima di fermarsi completamente ed è un modo comune per i piloti per fare rapidamente pratica. Il sito è solitamente presidiato da quattro dipendenti che eseguono la manutenzione e forniscono anche la sicurezza, ma non ci sono attrezzature antincendio o di rifornimento e non sono consentiti atterraggi al di fuori di un'emergenza. "Abbiamo sentito voci secondo cui se lo Space Shuttle avesse dovuto effettuare un atterraggio di emergenza, sarebbe potuto arrivare lì", ha affermato Craven. Ci sono stati anche tentativi di utilizzare la struttura in altri modi. La pista è stata utilizzata per corse automobilistiche ad alta velocità perché consente alle auto di raggiungere le loro velocità massime. E c'era un piano per organizzare uno spettacolo aereo, ma ciò avrebbe richiesto l'ampliamento della strada per l'aeroporto per supportare il traffico in arrivo e non è consentita alcuna nuova costruzione. Oggi, l'area che circonda l'aeroporto fa parte della Big Cypress National Preserve e ospita animali selvatici come alligatori, cervi, aironi e orsi.
Stati Uniti, doveva essere il più grande aeroporto al mondo, ma non è mai stato aperto
Tags: aeroporto, Everglades Jetport, Stati Uniti

Share this story: