Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, si attendono decisioni delle autorità
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, l'Olanda si faccia carico dei migranti, schierati i carabinieri in banchina
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, ma Di Maio è persona seria
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, appello del ministro Salute Giulia Grillo, al pronto soccorso solo se necessario
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, scartata l'ipotesi dolosa
- Manduria (Ta): anziani torturati da baby gang, altri 9 nuovi arresti, otto sono minorenni, spunta una terza vittima
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: i mondiali femminili in Francia, appuntamento su Rtl 102.5, sabato, dalle 15, per Italia-Olanda, chi vince va in semifinale
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
03 gennaio 2019

Tabacco, arrivano le piante geneticamente modificate

La fotosintesi “turbo” aumenterebbe la produttività del 40%, gli studi sono stati fatti dai ricercatori del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e dell’Università dell’Illinois

Ottenute piante di tabacco geneticamente modificate, con la fotosintesi “turbo”, al punto da aumentare la produttività fino al 40%, grazie a geni prelevati da batteri, alghe e piante come la zucca. Il risultato potrà aiutare a migliorare la resa di colture alimentari importanti a livello globale, come riso o grano o soia. Descritte sulla rivista Science, le piante sono state ottenute dai ricercatori del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti e dell'università dell'Illinois, guidati da Paul South e Donald Ort. Finora per incrementare i raccolti, si è puntato sull'aumento dell'uso di pesticidi, fertilizzanti e irrigazione, ma il nuovo obiettivo della ricerca è migliorare la produttività delle piante ottimizzando la fotosintesi, ossia il processo grazie al quale le piante convertono la luce solare in energia e producono foglie, legno e semi. Il gruppo guidato da Ort, spiega Roberto Defez del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), “ha messo il 'turbo' alla fotosintesi. In pratica ha fatto come nei motori turbo dove, invece di disperdere i gas di scarico pieni di carburante nell'ambiente, questi vengono reimmessi nel motore fino a consumare i residui di combustibile”. Così “come i motori turbo sono più efficienti, così queste piante sprecano meno energia e producono di più”

Tabacco, arrivano le piante geneticamente modificate