Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: oggi al via gli esami di maturità per 500mila studenti, si comincia con il tema di italiano
- Calcio: Michel Platini fermato in Francia, interrogato nell'inchiesta sulla presunta corruzione per l'assegnazione dei mondiali, è stato rilasciato in nottata
- Calcio: inchiesta sull'assegnazione al Qatar dei Mondiali 2022, Platini respinge le accuse di corruzione, sono estraneo ai fatti
- Brescia: un bambino di un anno è ricoverato in gravi condizioni, avrebbe ingerito cocaina, medici, sta migliorando
- Roma: Andrea Camilleri in rianimazione, gravi ma stabili le condizioni dello scrittore, i medici, ha una fibra forte
- Napoli: premier Giuseppe Conte, recuperato clima di fiducia con Salvini e Di Maio dopo toni veementi della campagna elettorale
- Gran Bretagna: il ministro Tria torna a bocciare i minibond, strumento illegale, Salvini, le tasse vanno abbassate
- Portogallo: simposio delle banche centrali, presidente della Bce Draghi, rischio inflazione, Eurozona resta debole
- Roma: Istat, 1, 8 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, pari a circa 5 milioni di persone
- Calcio: mondiali femminili, Italia-Brasile 0-1, azzurre qualificate agli ottavi come prime del girone
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
17 dicembre 2018

Terrorismo, somalo voleva attaccare San Pietro a Natale

E' quanto emerge dalle intercettazioni telefoniche della direzione distrettuale antimafia di Bari

Il 20enne somalo fermato a Bari per terrorismo voleva attaccare l'Italia. Aveva intenzioni precise: voleva mettere "le bombe a tutte le chiese d'Italia, a cominciare da San Pietro il giorno di Natale. Gli inquirenti della Dda di Bari hanno raccolto alcune intercettazioni captate tra il primo e il 9 dicembre". "Mamma mia... ecco la Chiesa", dice il cittadino somalo aprendo "con ogni probabilità sul display del proprio smartphone la foto di San Pietro". Il suo interlocutore gli risponde: "Però non e' facile, sai com'è là il 24 e il 25 a Natale, che sta Papa, e tanta gente, è pieno pieno pieno". "E' buono - dice il 20enne somalo - persone...pericolose, è buonissimo". Secondo gli inquirenti, il ragazzo somalo il primo dicembre avrebbe cominciato a ragionare sulle "progettualità operative", per poi informarsi, il giorno dopo, sulla distanza che separa Bari da Roma e sui mezzi di trasporto per raggiungere la Città. nIl 9 dicembre, poi, scatta una nuova intercettazione, in cui l'indagato pronuncia la data del 27, senza tuttavia specificare il mese. Questo li ha convinti che "non c'era più motivo di aspettare"."Il 25 dicembre adesso è ravvicinato". "Il 25 è Natale dei cristiani - si sente - le Chiese sono piene". 

Terrorismo, somalo voleva attaccare San Pietro a Natale