Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: convention M5S per presentare il reddito di cittadinanza, Di Maio, se ci sarà recessione mettiamo in sicurezza fasce più deboli
- Palermo: blitz anti-mafia all’alba, nuova Cupola di Cosa nostra, effettuati sette fermi grazie al racconto di due pentiti
- Roma: migranti, Salvini rilancia dopo attacco al presidente Macron di Di Maio, la Francia è fra i Paesi che impoveriscono l'Africa
- Usa: verrà chiesta al Canada l'estradizione di Wanzhou, il direttore finanziario di Huawei, arrestata in dicembre a Vancouver
- Indonesia: forte scossa di terremoto di magnitudo 6.6 a largo delle coste dell'isola di Sumba, nessuna allerta tsunami
- Roma: l'attore Lino Banfi sarà rappresentante per l'Italia nella commissione Unesco
- Francia: un aereo scompare dai radar, disperso nei cieli della Manica anche l'attaccante del Cardiff City, l'argentino Emiliano Sala
- Cremona: caporalato, migranti sfruttati e pagati tre euro l'ora per raccolta di abiti, eseguiti 4 arresti
- Calcio: Cristiano Ronaldo patteggia con il fisco spagnolo, verserà 18,8 milioni di euro e non sconterà 23 mesi di carcere perchè non ha precedenti penali
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
17 dicembre 2018

Terrorismo, somalo voleva attaccare San Pietro a Natale

E' quanto emerge dalle intercettazioni telefoniche della direzione distrettuale antimafia di Bari

Il 20enne somalo fermato a Bari per terrorismo voleva attaccare l'Italia. Aveva intenzioni precise: voleva mettere "le bombe a tutte le chiese d'Italia, a cominciare da San Pietro il giorno di Natale. Gli inquirenti della Dda di Bari hanno raccolto alcune intercettazioni captate tra il primo e il 9 dicembre". "Mamma mia... ecco la Chiesa", dice il cittadino somalo aprendo "con ogni probabilità sul display del proprio smartphone la foto di San Pietro". Il suo interlocutore gli risponde: "Però non e' facile, sai com'è là il 24 e il 25 a Natale, che sta Papa, e tanta gente, è pieno pieno pieno". "E' buono - dice il 20enne somalo - persone...pericolose, è buonissimo". Secondo gli inquirenti, il ragazzo somalo il primo dicembre avrebbe cominciato a ragionare sulle "progettualità operative", per poi informarsi, il giorno dopo, sulla distanza che separa Bari da Roma e sui mezzi di trasporto per raggiungere la Città. nIl 9 dicembre, poi, scatta una nuova intercettazione, in cui l'indagato pronuncia la data del 27, senza tuttavia specificare il mese. Questo li ha convinti che "non c'era più motivo di aspettare"."Il 25 dicembre adesso è ravvicinato". "Il 25 è Natale dei cristiani - si sente - le Chiese sono piene". 

Terrorismo, somalo voleva attaccare San Pietro a Natale