Va a Narges Mohammadi il Premio Nobel per la Pace. L'attivista iraniana che difende i diritti delle donne

Va a Narges Mohammadi il Premio Nobel per la Pace. L'attivista iraniana che difende i diritti delle donne

Va a Narges Mohammadi il Premio Nobel per la Pace. L'attivista iraniana che difende i diritti delle donne Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


Vicepresidente del Centro per la difesa dei Diritti Umani, Mohammadi viene premiata mentre si trova nel carcere di Evin a Teheran. Il motto "Donna, vita, libertà" arriva anche ad Oslo

“Per la sua lotta contro l’oppressione delle donne in Iran e per i suoi sforzi nella promozione dei diritti umani e della libertà di tutti”. È con queste motivazioni che il Premio Nobel per la Pace 2023 è stato assegnato a Narges Mohammadi. Cinquantun'anni, vicepresidente del Centro per la difesa dei Diritti Umani, l'attivista combatte contro le restrizioni imposte alle donne, contro la pena di morte, raccontando le violenze delle carceri, contestando il regime, che l’ha arrestata 13 volte e condannata 5, per un totale di 31 anni di carcere e 154 frustate. L'anno scorso aveva raccontato nel libro White Torture i due mesi trascorsi in isolamento della sezione 209 di Evin. Ed è proprio mentre è detenuta nella temuta prigione di Teheran che Mohammadi riceve il premio. 


POTREBBE NON USCIRE MAI

"La gioia è grande. Sono così felice per Narges". Parla così Hamidreza, fratello dell'attivista, all'emittente norvegese NRK. "Non so se riceverà la notizia subito ma forse qualcuno glielo dirà in prigione" ha detto, come riporta il Guardian. Carcere da cui l'attivista iraniana potrebbe non uscire mai: "È difficile dire che possa essere rilasciata, sotto questo regime", spiega Hamidreza, auspicando che il Nobel possa contribuire a rendere l'Iran più sicuro, perchè "la situazione lì è molto pericolosa, gli attivisti possono perdere la vita".


"DONNA, VITA LIBERTÀ" ARRIVA A OSLO

Anche il comitato del Nobel spera che il regime conceda a Mohammadi di ritirare il premio e che possa liberarla. Nell’annunciare la vittoria, la presidente Berit Reiss-Andersen ha scandito il motto “donna, vita, libertà”, che da più di un anno guida le proteste in Iran, dopo la morte di Mahsa Amini sotto la custodia della polizia morale. E proprio in questi giorni è arrivata la notizia di un'altra giovane, Armita Geravand, 16 anni, finita in coma in circostanze ancora da chiarire nella metropolitana di Teheran. Secondo gli attivisti, anche in questo caso sarebbe responsabilità della polizia morale, perchè anche lei non avrebbe rispettato l'imposizione del velo. Al momento ai parenti non è permesso farle visita in ospedale. 



Argomenti

Iran
Narges Mohammadi
Nobel per la pace 2023

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti