Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: caso Maugeri, la Cassazione, 5 anni e 10 mesi all'ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni
- Roma: la Camera approva mozione della maggioranza sulla Tav, impegna il governo a ridiscutere il progetto
- Foligno: scuola, maestro umilia bimbo di colore, guardate quanto è brutto, Miur, sarà sospeso in via cautelare
- Roma: premier Conte precisa, non necessaria una manovra correttiva, misure prudenziali ci mettono al riparo
- Roma: Diciotti, sbarco ritardato, 41 migranti chiedono risarcimento all'Italia, una somma fino a 71mila euro
- Vaticano: Papa apre summit su protezione dei minori nella Chiesa e invoca contro la pedofilia misure concrete
- Calcio: Europa League, ritorno dei sedicesimi di finale, Napoli-Zurigo 2-0, Inter-Rapid Vienna 4-0, Napoli ed Inter agli ottavi
- Sci, mondiali di fondo, sprint a tecnica libera, argento per Federico Pellegrino, oro al norvegese Klaebo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
07 dicembre 2018

Censis, italiani sempre più pessimisti e arrabbiati

Pubblicato 52/o Rapporto sulla situazione sociale del Paese, tra i dati analizzati la giustizia, l’immigrazione, la povertà e l’utilizzo dei mezzi di informazione

Tanto il rancore all’interno della popolazione, convinta che la causa del malessere del paese e della mancata ripresa economica sia la presenza degli stranieri sul territorio. E' la diagnosi impietosa della situazione sociale italiana, come risulta dal 52/o rapporto Censis che ha analizzato la società italiana. A pensarlo sono soprattutto le persone con un reddito basso. La delusione si intreccia con la percezione di essere poco tutelati “a casa”. Nel mirino finiscono soprattutto gli stranieri: il 52% è convinto che si fa di più per gli immigrati che per gli italiani, mentre il 63% degli italiani vede in modo negativo l'immigrazione. La giustizia è invece definita costosa, lenta e incapace di garantire la tutela dei diritti. Il 30,7% della popolazione, negli ultimi due anni, ha infatti rinunciato ad intraprendere un'azione giudiziaria volta a far valere un proprio diritto. Per quanto riguarda i mass media, nel 2018 la televisione tradizionale ha registrato un calo, mentre è in crescita la tv via internet e la mobile tv. La radio ottiene il primato della credibilità, ma i social media, soprattutto Facebook, hanno subito una battuta d’arresto tra i canali informativi.

Censis, italiani sempre più pessimisti e arrabbiati