Codice Carla, la Fracci rivive nel docufilm diretto da Daniele Luchetti

Codice Carla, la Fracci rivive nel docufilm diretto da Daniele Luchetti

Codice Carla, la Fracci rivive nel docufilm diretto da Daniele Luchetti


Con rare interviste, immagini di repertorio e testimonianze d’eccezione, si ripercorre la vita della celebre artista. Sarà nelle sale dal 13 al 15 novembre

Carla Fracci è stata più di una ballerina famosa. Era un’insegnante, un’attrice, un’interprete, una donna modesta e laboriosa che ha superato il dolore fisico per poter essere leggera come una piuma. Tutto questo è condensato nel docufilm di Daniele Luchetti “Codice Carla”.


UN CORO DI VOCI PER IL CODICE CARLA

L'evento, che ripercorre l'arte dell'étoile che ha fatto del corpo la sua massima espressione e un riferimento per tutti gli artisti venuti dopo di lei, arriva nelle sale italiane solo il 13, 14, 15 novembre, prodotto da Anele e Luce Cinecittà con Rai Cinema.

Interviste di repertorio, cucite assieme a immagini inedite e voci autorevoli. Al ritratto di Carla Fracci hanno partecipato nomi come Roberto Bolle, Jeremy Irons, Marina Abramovic, Carolyn Carlson, Eleonora Abbagnato, Alessandra Ferri, Enrico Rava, Chiara Bersani. Ma anche Beppe e Francesco Menegatti, Luisa Graziadei, Vittoria Regina, Gaia Straccamore e Hanna Poikonen.


UNA RIFLESSIONE SULL’ARTE

Un racconto delicato e profondo dove l’icona diventa madre e moglie e dove l’arte diventa il collante di una famiglia. Ma il viaggio intimo e personale della grande artista scomparsa nel 2021, si trasforma sotto gli occhi dello spettatore in una grande riflessione sul ruolo dell’arte fisica e corporea, tra danza e performance art, abbracciando discipline diverse ma allo stesso tempo connesse e collegate. Suddiviso in capitoli, il racconto è accompagnato dalle musiche degli Atoms For Peace edite da Thom Yorke e Sam Petts-Davies, con Thom Yorke a ricoprire anche il ruolo di Music Supervisor del film. Nel film Luchetti parla in prima persona come fosse una voce narrante e sembra voler mettere sullo stesso piano musica danza e cinema. Un rapporto stretto e indissolubile che trova conferma per gli 80 minuti di durata del film.


Codice Carla, docufilm di Daniele Luchetti in sala dal 13 al 15 novembre in 150 copie con Nexo Digital.



Argomenti

Carla Fracci
Codice Carla

Gli ultimi articoli di Mario Vai

  • Box Office, Inside Out 2: è boom in Italia e nel mondo. É già il miglior incasso del 2024

    Box Office, Inside Out 2: è boom in Italia e nel mondo. É già il miglior incasso del 2024

  • Inside Out 2, la recensione del nuovo film d'animazione della Pixar

    Inside Out 2, la recensione del nuovo film d'animazione della Pixar

  • Cannes 2024: Coppola divide, Lanthimos delude. Sette minuti di applausi per Kevin Costner

    Cannes 2024: Coppola divide, Lanthimos delude. Sette minuti di applausi per Kevin Costner

  • Al via Cannes 2024. L’italia spera con Sorrentino. Coppola a caccia della sua terza Palma D’oro

    Al via Cannes 2024. L’italia spera con Sorrentino. Coppola a caccia della sua terza Palma D’oro

  • Mostra del cinema di Venezia, Alberto Barbera confermato fino al 2026

    Mostra del cinema di Venezia, Alberto Barbera confermato fino al 2026

  • Disney, trimestrale 2024: bene lo streaming ma il titolo crolla a Wall Street

    Disney, trimestrale 2024: bene lo streaming ma il titolo crolla a Wall Street

  • Cinema, ecco la classifica dei film più redditizi del 2023. Barbie è al secondo posto

    Cinema, ecco la classifica dei film più redditizi del 2023. Barbie è al secondo posto

  • Verso i David di Donatello 2024: La Chimera, lo sguardo magico di Alice Rohrwacher

    Verso i David di Donatello 2024: La Chimera, lo sguardo magico di Alice Rohrwacher

  • Verso i David di Donatello 2024, Comandante. Una storia eroica e retorica ma molto umana

    Verso i David di Donatello 2024, Comandante. Una storia eroica e retorica ma molto umana

  • Verso i David di Donatello 2024, Rapito di Marco Bellocchio. Il potere di diventare liberi

    Verso i David di Donatello 2024, Rapito di Marco Bellocchio. Il potere di diventare liberi