Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Sri Lanka: almeno 215 morti negli attentati che hanno insanguinato il Paese, otto le esplosioni tra la capitale Colombo e i dintorni, gli attacchi in 3 chiese e 3 hotel, tra le vittime 35 stranieri, 7 arresti
- Roma: Farnesina a lavoro per verificare se ci siano italiani coinvolti nelle esplosioni in Sri Lanka, per ora nessuna conferma
- Vaticano: Papa Francesco su attacchi in Sri Lanka, tristezza per gravi attentati, vicino a vittime di crudele violenza
- Usa: New York Times, Boeing ignorò le segnalazioni dei dipendenti sul 787 dreamliner, due aerei sono caduti in cinque mesi
- Genova: uomo di 56 anni uccide a martellate il padre di 91 e poi tenta il suicidio, ora è in ospedale ferito
- Tennis: Montecarlo, in corso la finale tra Fabio Fognini e il serbo Dusan Lajovic, l'azzurro vince il primo set per 6-3
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
29 ottobre 2018

E' la giornata mondiale dell'ictus, ogni anno colpiti in 15 milioni

Oggi sui social arriva l'hashtag #UpAgainAfterStroke

Rimettersi in pista per combattere l'ictus, una malattia che arriva all'improvviso e che molto spesso lascia un segno doloroso in termini di invalidità e disabilità permanente: è questo il senso dell'hashtag #UpAgainAfterStroke per la Giornata mondiale dell'ictus, in programma oggi. Si calcola che ogni anno nel mondo 15 milioni di persone siano colpite dall'ictus cerebrale e che siano 80 milioni i sopravvissuti alla malattia. Tra questi, oltre 50 milioni sono costretti a convivere con una forma di disabilità permanente, rileva l'organizzazione mondiale per la lotta all'ictus Wso (Worls Stroke Organization).

E' la giornata mondiale dell'ictus, ogni anno colpiti in 15 milioni

I dati relativi alla malattia in Italia non sono da meno, con circa 150.000 persone colpite ogni anno e almeno 800.000 sopravvissute, secondo i dati dell'Associazione per la Lotta all'Ictus cerebrale (Alice). Anche in Italia l'ictus è la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza causa di morte. La malattia consiste nell'interruzione improvvisa dell'afflusso di sangue nel cervello e, quando questo accade, le cellule nervose possono essere seriamente danneggiate o distrutte. Per questo motivo sopravvivere all'ictus significa molto spesso dover affrontare problemi di invalidità. Se l'assistenza è un problema serissimo, la parola d'ordine della Giornata mondiale è "prevenzione".