Giro d’Italia: il trofeo tra cielo e terra

Giro d’Italia: il trofeo tra cielo e terra

Giro d’Italia: il trofeo tra cielo e terra


Una coppa che racconta la storia della corsa nel tempo e nello spazio

Una corsa tra mito e realtà

Dove inizia l’arcobaleno? Dove si trova Atlantide? Dove si colloca la linea dell’orizzonte? Forse il Giro d’Italia è la terra di mezzo a cavallo tra sport e mitologia. L’amore infinito e la spirale che unisce terra e cielo sono gli elementi del trofeo senza fine. I simboli di favola e successo, il confine tra passione e sogno, il perimetro che smargina e si infrange quando tutto diventa possibile. E, con l’idea di riunire ogni cosa in un unicum tra simbolismo e concretezza, prendono forma la coppa della corsa , il suo stare in bilico tra essere e non esistere, tra vuoto e pieno. Il tutto è espresso dalla sua forma accennata, un nastro dorato con un’ambizione incredibile: tenere tutto insieme! Sulla spirale del trofeo appaiono i nomi dei campioni delle 106 edizioni del Giro in ordine di tempo, con uno spazio vuoto: quello che attende il nome del primo classificato dell’edizione 2024, in alto, il più vicino al cielo.


Il trofeo di Marco Pastonesi, firma storica della Gazzetta dello Sport

Lui, uno che di corse rosa se ne intende, descrive così la coppa: "È una strada in salita. Si parte da terra e si sale in alto, in cielo, forse in paradiso. Non si sa dove, se un colle o un passo, se una torre o un valico, se un rifugio o una montagna-balcone. È un girotondo: si va e si viene, si esplora e si scopre, si pedala e si torna. Ma è anche un albero genealogico. In basso ci sono i pionieri, poi arrivano gli eroi, quindi tocca ai romantici, ai moderni, ai contemporanei, tutti uomini a pedali. È una molla e una spirale, un vortice e un gorgo, un tornado e un uragano. È aria, scia, vento. È un corridore che si arrampica, che decolla, che vola. È un libro le cui pagine si affidano al vento e decollano, e volano. Ed è una storia che ogni anno, tre settimane l’anno, si arricchisce di nuovi protagonisti, di nuove avventure, di nuovi capitoli. E che non conosce la parola fine".


Argomenti

Giro d'Italia

Gli ultimi articoli di Valentina Iannicelli

  • Giro d'Italia: sul fiume Piave, nel cuore della Storia

    Giro d'Italia: sul fiume Piave, nel cuore della Storia

  • Il Giro d’Italia attraversa la foresta dei violini

    Il Giro d’Italia attraversa la foresta dei violini

  • Il Giro-E, tra ecologismo e sostenibilità con prestazioni di alto livello

    Il Giro-E, tra ecologismo e sostenibilità con prestazioni di alto livello

  • Il Giro d’Italia visto da un protagonista: l’esperienza di Mirco Maestri del Team Polti-Kometa

    Il Giro d’Italia visto da un protagonista: l’esperienza di Mirco Maestri del Team Polti-Kometa

  • Non solo maglia rosa: al Giro si lotta per molti obiettivi

    Non solo maglia rosa: al Giro si lotta per molti obiettivi

  • Pompei: il Giro d’Italia incontra la storia

    Pompei: il Giro d’Italia incontra la storia

  • Napoli riabbraccia il Giro d'Italia, tra grande entusiasmo e antiche tradizioni

    Napoli riabbraccia il Giro d'Italia, tra grande entusiasmo e antiche tradizioni

  • Il bilancio a 1/3 del Giro d’Italia

    Il bilancio a 1/3 del Giro d’Italia

  • Una Corsa Rosa fuori dall’ordinario

    Una Corsa Rosa fuori dall’ordinario

  • Il Giro d’Italia di una vecchia inviata, priva di esperienza

    Il Giro d’Italia di una vecchia inviata, priva di esperienza