Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, si attendono decisioni delle autorità
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, l'Olanda si faccia carico dei migranti, schierati i carabinieri in banchina
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, ma Di Maio è persona seria
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, appello del ministro Salute Giulia Grillo, al pronto soccorso solo se necessario
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, scartata l'ipotesi dolosa
- Manduria (Ta): anziani torturati da baby gang, altri 9 nuovi arresti, otto sono minorenni, spunta una terza vittima
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: i mondiali femminili in Francia, appuntamento su Rtl 102.5, sabato, dalle 15, per Italia-Olanda, chi vince va in semifinale
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
12 gennaio 2019

Grande festa a Vittorio Veneto, compie 40 anni l'ultimo mulo soldato

Gli alpini festeggiano il record di Iroso, l’unico esemplare ancora in vita ad aver svolto il servizio militare

Iroso compie 40 anni. Un vero e proprio record per un mulo, come arrivare a 120 per un umano. E per questo il Reparto Salmerie degli alpini di Vittorio Veneto lo celebrerà domani con una grande festa. A maggior ragione se si tratta dell'ultimo mulo ad aver svolto il servizio militare, dopo che, dall'inizio degli anni 90, i militari deciso di abbandonare l'uso di questi animali. "Fu messo all'asta nel 1993 dal ministero della Difesa", spiega al Corriere della Sera, Antonio De Luca, l'alpino che lo ha riscattato e lo accudisce da allora, "mi serviva per il trasporto di legna nel bosco. Ma soprattutto non volevo che finisse come tutti gli altri muli: al macello e poi trasformato in salame. Una vera vergogna. Così lo acquistai: a forza di rilanci lo pagai un milione e 250mila lire". De Luca racconta che riuscì a salvare dal macello 13 muli dell'ex squadra degli alpini con tanto di marchio impresso su uno zoccolo. Di questi solo Iroso è ancora vivo, ed essendo anziano ha qualche problema: è praticamente cieco e gli sono rimasti solo tre denti. Ma è comunque diventato una vera star. E non solo per gli alpini. "Mi chiamano da tutta Italia per chiedermi: è vero che Iroso è ancora vivo? Io rispondo di sì e tutti restano incantati", dice De Luca. Domani, per il mulo soldato, ci sarà una grande festa alla cascina dove vive, a Cappella Maggiore, in provincia di Treviso. "Saremo tantissimi, ogni giorni mi chiamano per chiedermi della festa, e non solo gli alpini", spiega il proprietario di Iroso, "una volta sono venuti due sposini da Parma per conoscerlo. E questo mi riempie di gioia e di orgoglio".

Grande festa a Vittorio Veneto, compie 40 anni l'ultimo mulo soldato