Suicidio Giovanna Pedretti: parla Lorenzo Biagiarelli, non chiedo scusa, non inseguo pietà e non torno in tv

Suicidio Giovanna Pedretti: parla Lorenzo Biagiarelli, non chiedo scusa, non inseguo pietà e non torno in tv

Suicidio Giovanna Pedretti: parla Lorenzo Biagiarelli, non chiedo scusa, non inseguo pietà e non torno in tv Photo Credit: agenziafotogramma.it


Il food blogger su Instagram ricostruisce la vicenda e accusa: "Io e la mia compagna Selvaggia Lucarelli vittime di una campagna diffamatoria sulla stampa"

Oggi sul suo profilo instagram, il food blogger Lorenzo Biagiarelli è tornato a parlare del suicidio della ristoratrice di Lodi Giovanna Pedretti, presa di mira sui social per un presunto post falso, su cui lui stesso avanzò sospetti.


La versione di Biagiarelli

Un caso che era nato sui social ed è entrato a gamba tesa nella vita di una persona che ora non c’è più. Un caso che sui social trova una sorta di epilogo. In un video pubblicato oggi sul suo profilo Instagram, Lorenzo Biagiarelli, food blogger, fidanzato di Selvaggia Lucarelli cerca di mettere un punto al caso del suicidio di Giovanna Pedretti, la ristoratrice di Lodi finita nel tritacarne degli attacchi social per un post presunto falso, smascherato proprio da Biagiarelli. Lo chef ricostruisce in modo minuzioso la storia del post sul ristorante di Giovanna Pedretti che sembrava scritto da una persona omofoba e razzista e la cui risposta della proprietaria del ristorante le valse un'ondata di simpatia e approvazione in rete. Biagiarelli avanzò dubbi sulla veridicità del post, e il successo tributato alla signora Pedretti si trasformò in disprezzo. Sappiamo la storia come sia finita, la ristoratrice si è suicidata ed è ancora in corso un'inchiesta. Biagiarelli e la compagna Selvaggia Lucarelli, da alfieri della trasparenza si sono trasformati in sciacalli, vittime, dice lo chef,  noi sì "di una gogna mediatica", che, aggiunge, non c'è stata nei confronti di Giovanna Pedretti. "Forse solo qualche commento negativo", spiega ancora.

 Non chiedo scusa

"In molti mi hanno rimproverato scarsa umanità, sottolinea Biagiarelli, io non posso, né voglio, chiedere scusa per la morte di Giovanna Pedretti", aggiungendo di non volere tentare la strada della pietà pubblica, "perché se lo facessi sarei l'ennesimo che utilizza la sua morte per il proprio vantaggio, nel mio caso per riabilitarmi, cospargendomi il capo di cenere e implorando la clemenza della pubblica piazza" e annuncia anche che non tornerà in tv nel cast della trasmissione quotidiana di Antonella Clerici , in onda su Rai Uno, “E’ sempre mezzogiorno” . “Non ci sono più le condizioni”, sottolinea.

La difesa 

Biagiarelli spiega poi qual è stato il senso della sua operazione verità: "Fare debunking non è smentire o esporre al pubblico ludibrio una persona comune, come è stato spesso scritto in questi giorni, ma è smontare una notizia specie se di diffusione nazionale e criticare l'operato della stampa quando si alimenta di notizie non verificare monetizzandole con dei click" perciò, conclude Biagiarelli,"Preferisco tenermi lo stigma, il dubbio, il sospetto, piuttosto che tentare la via della pietà affermando qualcosa che non penso. E accetterò con tranquillità tutte le conseguenze". Poi, facendo appello all'articolo 21 della Costituzione e criticando tv, giornali e social, Biagiarelli ha sottolineato che "lo stigma infame dell'istigazione al suicidio viene riservato solo a me e alla mia compagna".


Argomenti

GiovannaPedretti
LorenzoBiagiarelli
SelvaggiaLucarelli

Gli ultimi articoli di Maria Paola Raiola

  • Ridare il sorriso ai bimbi che vivono nei Paesi più poveri del mondo: la storia dei medici di Operation Smile

    Ridare il sorriso ai bimbi che vivono nei Paesi più poveri del mondo: la storia dei medici di Operation Smile

  • Scuola: via libera al Senato al ddl Valditara sulle valutazioni degli studenti, la condotta peserà di più

    Scuola: via libera al Senato al ddl Valditara sulle valutazioni degli studenti, la condotta peserà di più

  • Genova: uccise la sorella, confermata in appello la condanna a 24 anni e mezzo per Alberto Scagni

    Genova: uccise la sorella, confermata in appello la condanna a 24 anni e mezzo per Alberto Scagni

  • Amadeus lascia la Rai: per lui si spalancano le porte del Nove, il canale del gruppo  Warner Bros  Discovery

    Amadeus lascia la Rai: per lui si spalancano le porte del Nove, il canale del gruppo Warner Bros Discovery

  • Strage Suviana: recuperato anche il corpo dell'ultimo disperso, sette i morti e cinque feriti, 4 ancora ricoverati

    Strage Suviana: recuperato anche il corpo dell'ultimo disperso, sette i morti e cinque feriti, 4 ancora ricoverati

  • Delitto Aosta: il presunto omicida fermato a Lione era già stato denunciato per violenze dalla 22enne francese

    Delitto Aosta: il presunto omicida fermato a Lione era già stato denunciato per violenze dalla 22enne francese

  • Il mistero dell'omicidio della ragazza francese nella chiesa diroccata in Val D'Aosta, si cerca l'assassino

    Il mistero dell'omicidio della ragazza francese nella chiesa diroccata in Val D'Aosta, si cerca l'assassino

  • Medio Oriente: la minaccia di Israele dell'attacco a Rafah rallenta i negoziati

    Medio Oriente: la minaccia di Israele dell'attacco a Rafah rallenta i negoziati

  • Il Vaticano pubblica Dignitas Infinita: no alla maternità surrogata,  la violenza sulle donne è scandalo globale

    Il Vaticano pubblica Dignitas Infinita: no alla maternità surrogata, la violenza sulle donne è scandalo globale

  • L'Iran minaccia: attacco a Israele inevitabile, ma decideremo come e quando rispondere a Tel Aviv

    L'Iran minaccia: attacco a Israele inevitabile, ma decideremo come e quando rispondere a Tel Aviv