Il diciotto giugno diventa festa federale, si celebra la fine della schiavitù negli Stati Uniti

18 giugno 2021, ore 16:00 , agg. alle 17:01

Il presidente Biden ha firmato il disegno di legge che istituisce la giornata federale contro la schiavitù, sarà celebrata ogni anno il diciotto giugno

Gli Stati Uniti riconoscono ufficialmente Juneteenth, quale giornata di commemorazione per la fine della schiavitù in America. Il diciotto giugno diventa festa federale dopo che il presidente Joe Biden ha firmato un disegno di legge durante una cerimonia alla Casa Bianca. Lo stesso inquilino della White House ha sottolineato la necessità per il Paese di fare i conti con la propria storia, anche quando quella storia è vergognosa.


Le parole di Biden

“Le grandi nazioni non ignorano i loro momenti più dolorosi”, ha detto Biden, prima di firmare la legge che stabilisce il Juneteenth National Independence Day. “Le grandi nazioni non se ne vanno. Veniamo a patti con gli errori che abbiamo fatto. E ricordando quei momenti, iniziamo a guarire e a diventare più forti”, ha proseguito il capo della Casa Bianca, aggiungendo che “Sono presidente solo da pochi mesi, ma penso che questo sarà per me uno dei più grandi onori che avrò avuto come presidente”. Dello stesso tono anche la vicepresidente, Kamala Harris, che ha riflettuto sulla natura storica della giornata e sulla presenza di legislatori di colore che hanno lavorato diligentemente per far avanzare il disegno di legge ed ha ricordato che “Siamo riuniti qui in una casa costruita da persone schiavizzate. Siamo a pochi passi da dove il presidente Abraham Lincoln ha firmato il proclama di emancipazione e dove il presidente Joe Biden ha stabilito che il Juneteenth diventa una festa nazionale. Siamo arrivati lontano e abbiamo ancora molto da fare, ma oggi è un giorno di festa” ha sostenuto. La legge ha avuto il via libera dopo l'ok bipartisan del Congresso.


Cos’è Juneteenth

Juneteenth ricorda il giorno del 1865 in cui arrivò la notizia dell’applicazione della legge firmata dal presidente Abraham Lincoln a Galveston, in Texas, in cui furono liberati gli schiavi nell'ultimo stato ribelle americano. Lincoln aveva firmato la legge che aboliva la schiavitù nel 1863, ma il proclama fu applicato a Galveston due anni dopo.


La reazione della gente di colore

La popolazione di colore degli Stati Uniti è rallegrata per la decisione presa dal presidente Biden, anche se è pensiero comune che serva fare molto di più per affrontare il tema razzismo sistemico.


Non tutti gli Stati sono d’accordo

Alcuni degli Stati a guida repubblicana non sono d’accordo con la decisione del presidente Biden e stanno per emanare, se non lo hanno già fatto, una legge, che secondo gli attivisti ridurrebbe il diritto di voto, in particolare per le persone di colore, ma vanno oltre, e criticano il fatto che la legge di riforma della polizia dopo l'uccisione di George Floyd e altri neri americani, rimane in fase di stallo nel Congresso, mentre è stato approvato velocemente il disegno di legge Juneteenth.


Il diciotto giugno diventa festa federale, si celebra la fine della schiavitù negli Stati Uniti
Tags: Juneteenth, Joe Biden, schiavitù, Stati Uniti

Share this story: