Il report della Polizia sulla violenza di genere, 109 le donne uccise fino al 3 dicembre

Il report della Polizia sulla violenza di genere, 109 le donne uccise fino al 3 dicembre

Il report della Polizia sulla violenza di genere, 109 le donne uccise fino al 3 dicembre Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


90 di loro uccise in ambito familiare o affettivo. Un numero delle vittime costante, nonostante diminuiscano le denunce dei cosiddetti "reati spia", come lo stalking e le violenze sessuali

Fino al 3 dicembre sono state 109 le donne uccise. Novanta di loro in ambito familiare o affettivo. Cinquantotto, quasi la metà, colpite proprio dalla mano del partner o dell'ex. È quanto emerge dal report "Il Punto - il pregiudizio e la violenza contro le donne" realizzato dal Servizio Analisi Criminale, che elabora i dati delle forze di Polizia. 


COSTANTI I NUMERI DEI FEMMINICIDI, DIMINUISCONO ALCUNI REATI SPIA

Nei primi nove mesi del 2023 sono state uccise 89 donne su un totale, fino a settembre, di 254 omicidi. Le vittime sono così aumentate del 5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Numeri elevati e che non accennano a diminuire, nonostante, in valori assoluti, decrescano le denunce dei cosiddetti reati spia, come stalking (-13%), maltrattamenti (-12%), violenze sessuali (-12%), lesioni permanenti al viso (-14%), le cui vittime risultano sempre principalmente le donne, nel 91% dei casi. Aumenta invece il revenge porn (+1%), che coinvolge nel 17% dei casi minorenni. Impennata poi per gli episodi di costrizione al matrimonio (+45%), fenomeno che registra un aumento rilevante. Anche se, spiegano gli autori del report, può essere spiegato come un "fisiologico processo di progressiva applicazione della nuova norma, basata su una crescente consapevolezza delle vittime che denunciano maggiormente".  Ma i reati spia, tra ottobre 2022 e settembre 2023, hanno coinvolto anche 324 donne disabili, vittime soprattutto di maltrattamenti in famiglia o nelle strutture che le avevano in cura, di violenze sessuali e atti persecutori.


DELFINI, "RICORDARE LA VIOLENZA TUTTI I GIORNI"

Dati che tracciano un quadro in cui c'è ancora molto da fare. "È trascorso un mese dalla morte di Giulia Cecchettin e in mente abbiamo ancora le parole del papà" ha detto Stefano Delfini, direttore del Servizio Analisi Criminale. "Dobbiamo ricordarci di questo fenomeno tutti giorni e non solo quando ci sono degli eventi".


Argomenti

dati
femminicidi
Polizia Criminale
revenge porn
stalking
violenza sessuale
violenza sulle donne

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti