Il Vaticano scomunica le “suore dei cioccolatini”: le monache clarisse dovranno abbandonare il loro convento

Il Vaticano scomunica le “suore dei cioccolatini”: le monache clarisse dovranno abbandonare il loro convento

Il Vaticano scomunica le “suore dei cioccolatini”: le monache clarisse dovranno abbandonare il loro convento Photo Credit: Instagram: @tehagoluz


Aperta la disputa legale con la Santa Sede che accusa le religiose spagnole di scisma e ha già proceduto alla scomunica. Presto lo sfratto dal loro monastero di Belorado

A pochi giorni di distanza dall’accusa di scisma rivolta a monsignor Carlo Maria Viganò, un nuovo caso impegna il Vaticano: un gruppo di suore clarisse spagnole, diventate celebri mediaticamente come le “suore dei cioccolatini” verranno sfrattate dal loro monastero con scomunica qualora non rinuncino alle loro tesi che, in sostanza, vanno in netto conflitto con il diritto canonico riconosciuto dalla Santa Sede.


Lo scisma

A causare la scomunica l’annuncio, qualche settimana fa, intorno alla metà di maggio, dello scisma da parte delle religiose: un Manifesto cattolico di 70 pagine con la decisione di mettersi sotto la giurisdizione di Pablo de Rojas Sanchez-Franco, fondatore della Pia Union de Santi Pauli Apostoli (una setta che non riconosce il Concilio Vaticano II), già scomunicato a sua volta nel 2019.

Dopo averle ammonite, l’arcivescovo di Burgos ha mandato un ultimo avviso: le suore devono abbandonare il monastero di Belorado, dove attualmente vivono, entro un breve lasso di tempo. A motivare la scelta in conferenza stampa monsignor Mario Iceta, "commissario pontificio" dei complessi monastici di Belorado (Burgos), Orduna (Vitoria) e Derio (Biscaglia), plenipotenziario incaricato dalla Santa Sede per dirimere il caso. Iceta ha sostanzialmente dato alle monache il tempo per fare le valigie. L’ordine di sfratto sarà esecutivo, fa sapere,  "nei prossimi giorni". "Sono loro che hanno deciso di abbandonare la Chiesa cattolica, non sono state cacciate. Va ricordato che proprietà e immobili sono beni ecclesiastici", ha spiegato il prelato.


La disputa legale

Speriamo si rendano conto che, non essendo più religiose, non possono restare nel monastero”, ha aggiunto monsignor Iceta. Eppure le suore non sembrano voler rinunciare a quella che finora è stata la loro casa, forti anche di una certa fama mediatica (sui social, con l'account "@tehagoluz" sono note come le “suore dei cioccolatini”, diventate celebri proprio per i dolcetti prodotti). Qualora rifiutassero di allontanarsi, verrebbero messe in atto azioni legali per costringerle allo sgombero.

Oltre ai motivi strettamente religiosi, a fomentare la disputa legale ci sarebbe anche il tentativo di vendita di un altro monastero, quello di Derio: le clarisse avrebbero tentato così di ottenere le entrate necessarie per portare avanti il loro convento. Le suore, in sostanza, contestano la proprietà degli immobili: secondo loro apparterrebbero alla nuova comunità religiosa da loro composta che non si riconosce nei valori del Vaticano. La Santa Sede, al contrario, ribadisce il diritto di disporre come vuole di quello che considera un proprio bene.

Appena tre settimane fa, appreso dei provvedimenti allo studio della Santa Sede, la badessa, suor Isabel de la Trinidad, ha denunciato monsignor Iceta alla polizia per abuso di potere, usurpazione della rappresentazione legale e violazione del diritto di associazione. Venerdì scorso, allo scadere dell'ultimatum ricevuto dall'arcivescovo per spiegare la loro posizione davanti al Tribunale ecclesiastico, le suore non si sono presentate. La loro risposta è arrivata prima via fax, poi attraverso il loro popolare profilo su Instagram, usato per confermare la "irreversibile e unanime" decisione di abbandonare la Chiesa di Roma. Sarà il tribunale, attualmente impegnato nello studio delle carte processuali presentate dalle parti, a decidere.



Argomenti

rtl1025
scisma
scomunica
suore clarisse
vaticano

Gli ultimi articoli di Massimo Lo Nigro

  • Terrore offline: guasti informatici in tutto il mondo mandano in tilt aziende, aeroporti e uffici

    Terrore offline: guasti informatici in tutto il mondo mandano in tilt aziende, aeroporti e uffici

  • Messina Denaro: trovato il secondo covo del boss, arrestato un favoreggiatore

    Messina Denaro: trovato il secondo covo del boss, arrestato un favoreggiatore

  • Ischia e i tassisti “furbetti”: corse da 35 euro pagate 75

    Ischia e i tassisti “furbetti”: corse da 35 euro pagate 75

  • Turista aggredito da un orso in Trentino, è in ospedale

    Turista aggredito da un orso in Trentino, è in ospedale

  • Brescia, picchiavano le figlie “non brave musulmane”. Familiari in fuga dopo la condanna

    Brescia, picchiavano le figlie “non brave musulmane”. Familiari in fuga dopo la condanna

  • Salute, mangiar male costa fino a 289 euro all’anno

    Salute, mangiar male costa fino a 289 euro all’anno

  • Università: 3 atenei italiani tra i migliori 100 in Europa

    Università: 3 atenei italiani tra i migliori 100 in Europa

  • Maxi operazione antimafia: sequestrati beni per oltre 131 milioni di euro

    Maxi operazione antimafia: sequestrati beni per oltre 131 milioni di euro

  • Clima: giugno 2024 è stato il più caldo di sempre

    Clima: giugno 2024 è stato il più caldo di sempre

  • Paura in Texas: quattro bagnanti aggrediti da un branco di squali

    Paura in Texas: quattro bagnanti aggrediti da un branco di squali