Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Napoli: festa in strada per la riapertura della pizzeria Da Sorbillo, dopo la bomba carta esplosa la settimana scorsa, pizza gratis per tutti
- Milano: emergenza migranti, il vicepremier Luigi Di Maio a Rtl 102.5 attacca Macron, cominceremo a portare i migranti a Marsiglia
- Milano: Di Maio a Rtl 102.5, non temo manine sul Reddito di Cittadinanza, il baciamano a Salvini? Lo hanno fatto anche a me
- Roma: emergenza migranti, l'Ong Open Arms attacca, ci vogliono eliminare perché testimoni
- Roma: questa mattina lo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale, astensione di 4 ore, solo a Firenze oggi pomeriggio
- Vicenza: bimba di tre giorni scaraventata a terra dalla madre, morta in ospedale, la donna arrestata, ha tentato il suicidio
- Gb: Brexit, il premier May presenta in Parlamento il piano B, auguale al vecchio, tranne gestione confine con Irlanda
- Israele: bombardati obiettivi militari iraniani in Siria, l'Iran minaccia di distruggere Israele
- Milano: taxista travolto e ucciso, arrestato presunto pirata della strada fuggito dopo l'incidente mortale, è un 26enne
- Calcio: Serie A, alle 15.00 Genoa-Milan, alle 20.30 Juventus-Chievo, Wanda Nara, Icardi rinnova al 100% con l'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
31 dicembre 2018

Inter-Napoli, arrestato capo ultras nerazzurro

In carcere Marco Piovella, indicato come possibile mente del blitz, un altro leader, Nino Ciccarelli, per ore in Questura

E’ Marco Piovella il capo ultras della curva dell’Inter arrestato oggi nell'ambito dell'inchiesta sugli scontri avvenuti prima della partita Inter-Napoli del 26 dicembre scorso. Piovella, 34 anni, soprannominato “il rosso” è uno dei leader della “Curva Nord”, in particolare dei “Boys”, e responsabile delle coreografie da diversi anni. Il 29 dicembre Piovella si era recato in questura, dopo che era stato indicato da Luca Da Ros, uno dei primi tre arrestati, come l'ispiratore dell'agguato ai tifosi napoletani. Le indagini, su quanto accaduto prima di Inter-Napoli del 26 dicembre continuano e il quadro che sembrerebbe emergere è di una rete di organizzazioni, per cui il calcio non è nulla più che un pretesto. Il Gip di Milano, Guido Salvini, nell’ordinanza di conferma della custodia cautelare in carcere per i tre ultras arrestati, all’indomani della violentissima rissa in strada, scrive di ‘un’azione di stile militare, preordinata e avvenuta a distanza, che ora può scatenare azioni simili e anche episodi di rappresaglia’. Parole durissime e che non hanno bisogno di commento. Secondo varie fonti, poi, risulterebbe indagato, ma a piede libero Nino Ciccarelli, 49 anni, personaggio di spicco del tifo estremo interista. Fondatore del gruppo dei ‘Vikings’, Ciccarelli è molto noto alle cronache giudiziarie, con 12 anni di carcere alle spalle e 5 di Daspo ancora in corso. Convocato dalla Digos in Questura, è stato trattenuto fino alla tarda serata di ieri.

Inter-Napoli, arrestato capo ultras nerazzurro