L’appello al dialogo e per la Pace nel mondo intero. La preghiera del Papa per le donne vittime di violenza

25 dicembre 2021, ore 15:00

Anche in questo Natale da Piazza San Pietro il pensiero di Papa Francesco è andato a ogni paese nel mondo attraversato da drammi, povertà e conflitti. La benedizione urbi et orbi, alla città di Roma e al mondo

Un forte appello per la pace in Medio Oriente e per il mondo intero si è levato dalla loggia delle benedizioni in Vaticano. La via è quella del dialogo, ma Papa Francesco riconosce che “La pandemia ha messo a dura prova la nostra capacità di relazioni sociali, e anche a livello internazionale c’è il rischio di chiusure che invece va scongiurato”. Il Pontefice ha compiuto un giro del mondo ricordando le regioni in conflitto o strette nella morsa di drammi e povertà, le crisi internazionali. Dalla Siria all’Iraq al Sudan. Sulla pandemia ha chiesto di trovare al più presto le risposte, non ultime le vaccinazioni per le "popolazioni più bisognose". Una pandemia in cui dilaga la violenza sulle donne. E l'inarrestabile dramma dei migranti e dei profughi, verso i quali non possiamo "girarci dall'altra parte". Il messaggio natalizio si è chiuso con la Benedizione 'Urbi et Orbi', a Roma e al mondo. In Piazza San Pietro, riferisce la sala Stampa Vaticana “C’erano circa 20 mila persone”.

VIOLENZA CONTRO LE DONNE DILAGA IN PANDEMIA, DIO CONFORTI VITTIME

Papa Francesco si è detto vicino, con la preghiera, alle donne vittime di abusi ''Figlio di Dio, conforta le vittime della violenza nei confronti delle donne che dilaga in questo tempo di pandemia''. Nella sua preghiera Bergoglio ha ricordato le persone più fragili ''Offri speranza ai bambini e agli adolescenti fatti oggetto di bullismo e di abusi''. Il Papa nel suo messaggio ai fedeli in occasione del Natale ha aggiunto ''Dà consolazione e affetto agli anziani, soprattutto a quelli più soli. Dona serenità e unità alle famiglie, luogo primario dell'educazione e base del tessuto sociale''.

PAPA:SOLUZIONI PER VINCERE COVID,VACCINI A POVERI

L'inasprirsi incalzante della pandemia, per cui occorre trovare al più presto le risposte "più idonee", non ultime le vaccinazioni per le "popolazioni più bisognose". Le parole di Papa Francesco risuonano in una Piazza San Pietro sotto una leggera pioggia "Dio-con-noi - invoca il Pontefice -, concedi salute ai malati e ispira tutte le persone di buona volontà a trovare le soluzioni più idonee per superare la crisi sanitaria e le sue conseguenze. Rendi i cuori generosi, per far giungere le cure necessarie, specialmente i vaccini, alle popolazioni più bisognose. Ricompensa tutti coloro che mostrano attenzione e dedizione nel prendersi cura dei familiari, degli ammalati e dei più deboli".

L’appello al dialogo e per la Pace nel mondo intero. La preghiera del Papa per le donne vittime di violenza

INVOCA IL BAMBINO DI BETLEMME, CONSENTI RITORNO A CASA PRIGIONIERI GUERRA E POLITICI

''Ricompensa tutti coloro che mostrano attenzione e dedizione nel prendersi cura dei familiari, degli ammalati e dei più deboli. Bambino di Betlemme, consenti di fare presto ritorno a casa ai tanti prigionieri di guerra, civili e militari, dei recenti conflitti, e a quanti sono incarcerati per ragioni politiche''. Lo ha sottolineato Papa Francesco nel messaggio di Natale rivolto ai fedeli. La Sala stampa vaticana che le persone presenti oggi in Piazza San Pietro per il Messaggio natalizio e la Benedizione 'Urbi et Orbi' di papa Francesco erano circa 20 mila.

Tags: Messaggio natalizio, Natale, Papa Francesco, Urbi et Orbi, Vaticano

Share this story: