L’italoiraniana sul palco del Festival di Sanremo, grazie perchè ricordate che la musica è un diritto umano

L’italoiraniana sul palco del Festival di Sanremo, grazie perchè ricordate che la musica è un diritto umano

L’italoiraniana sul palco del Festival di Sanremo, grazie perchè ricordate che la musica è un diritto umano Photo Credit: Fotogramma.it


Con Pegah e Drusilla Foer all’Ariston arriva l’eco delle proteste in Iran. A Sanremo irrompono i diritti negati in Iran, grazie alla testimonianza di forte impatto della consulente e attivista Pegah, italiana di origini iraniane

C'è un posto nel mondo dove non si può cantare: così Amadeus ha lanciato l'intervento Pegah, una ragazza italoiraniana attivista dei diritti umani. “Grazie perchè ricordate che la musica è un diritto umano”, ha detto Pegah che con Drusilla Foer ha letto il testo usato nelle recenti manifestazioni contro il regime in Iran che parla dei tanti diritti negati nel paese e finisce con il celebre slogan "donne, vita, libertà".

PEGAH E DRUSILLA FOER NELLA CANZONE PER L'IRAN

Drusilla Foer accompagna l'italo-iraniana Pegah per un messaggio di pace con la canzone Baraye, simbolo della protesta dell'Iran, diventata un coro da stadio che ha appena vinto il Grammy. Pegah ricorda l'uccisione di Mahsa Amini, colpevole di un velo fuori posto. "In Iran - spiega Pegah - non avrei potuto presentarmi così vestita e truccata, ne' parlare di diritti umani sul palco, sarei stata arrestata o forse addirittura uccisa, è per questo che, come molti altri ragazze e ragazzi, ho deciso che la paura non ci fa più paura e di dare voce a una generazione crescita sotto un regime di terrore e repressione, in un paese bellissimo, uno scrigno di patrimoni dell'umanità".

IL TESTO

"Per ballare per strada si rischiano 10 anni di prigione, è proibito baciarsi, tenersi mano nella mano, esprimere la propria femminilità, più di 20 milioni di persone vivono sotto la soglia di povertà, ci sono bambini che perdono il sole e chiedono l'elemosina, cani innocenti uccisi per strada, in carcere ci sono 18 mila intellettuali e prigionieri politici, e poi rifugiati afghani, perseguitati". Il commovente brano-preghiera si chiude con le parole chiave della rivoluzione, "donna, vita libertà". "Libertà", scandiscono insieme Pegah e Drusilla tra gli applausi.


Argomenti

Diritti umani
Drusilla Foer
Iran
Pegah

Gli ultimi articoli di Raffaella Coppola

  • Cronaca. Cade in dirupo e muore dopo scontro in moto con fratello. In poche ore tre vittime della strada

    Cronaca. Cade in dirupo e muore dopo scontro in moto con fratello. In poche ore tre vittime della strada

  • Barcone si capovolge davanti alla Calabria, 50 dispersi. Nel Mediterraneo altri soccorsi di migranti

    Barcone si capovolge davanti alla Calabria, 50 dispersi. Nel Mediterraneo altri soccorsi di migranti

  • La morte del generale Claudio Graziano, presidente Fincantieri. Il cordoglio di istituzioni e politica

    La morte del generale Claudio Graziano, presidente Fincantieri. Il cordoglio di istituzioni e politica

  • Netanyahu smentisce l'esercito sulla pausa umanitaria nella Striscia. Idf, l'ha chiesta il governo

    Netanyahu smentisce l'esercito sulla pausa umanitaria nella Striscia. Idf, l'ha chiesta il governo

  • Hunter Biden è stato giudicato colpevole. Il presidente degli Stati Uniti, accetto l'esito del processo

    Hunter Biden è stato giudicato colpevole. Il presidente degli Stati Uniti, accetto l'esito del processo

  • Il ministro Musumeci chiede una relazione sui tempi dei soccorsi al Natisone. La Procura di Udine acquisirà tabulati delle richieste di aiuto

    Il ministro Musumeci chiede una relazione sui tempi dei soccorsi al Natisone. La Procura di Udine acquisirà tabulati delle richieste di aiuto

  • Oggi è il World Turtle Day. Un viaggio nel mondo delle tartarughe e una giornata per ricordare che vanno protette

    Oggi è il World Turtle Day. Un viaggio nel mondo delle tartarughe e una giornata per ricordare che vanno protette

  • Al via la stagione della dichiarazione dei redditi. Quest'anno la novità del modello 730 semplificato

    Al via la stagione della dichiarazione dei redditi. Quest'anno la novità del modello 730 semplificato

  • La scomparsa di Susan Backlinie. L’attrice interpretò il ruolo della prima vittima de “Lo squalo”

    La scomparsa di Susan Backlinie. L’attrice interpretò il ruolo della prima vittima de “Lo squalo”

  • Scoperto e sgominato un giro di prostituzione minorile a Bari. Dieci arresti

    Scoperto e sgominato un giro di prostituzione minorile a Bari. Dieci arresti