Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
-
-
-
- Basilicata: il candidato del Centrodestra Vito Bardi vince le elezioni regionali con oltre il 42% delle preferenze
- Usa: Russiagate, conclusioni procuratore Mueller, nessuna collusione fra Trump e Mosca, Trump, no collusione, no ostruzione, manteniamo grande l'America
- Roma: ius soli, sindaco Milano Sala, Salvini evita il dibattito, è polemica dopo le affermazioni del ministro dell'Interno sul bambino di origine straniera che ha lanciato l'allarme dal bus sequestrato nel milanese
- Lecce: il premier Conte, la mia esperienza politica termina con l'attuale governo
- Londra: Brexit, raccolte oltre 5 milioni di firme per revocare uscita dall'Ue, premier May convoca una riunione di crisi
- Torino: giovane violentata nel parco del Valentino, arrestato il presunto aggressore, è originario della Guinea e irregolare
- Reggio Emilia: neonato di 5 mesi è morto dopo essere stato sottoposto a circoncisione clandestina in casa, i genitori hanno origine ghanese
- Calcio: l'Italia è a Parma, martedì gli azzurri affronteranno il Liechtenstein in una gara per le qualificazioni ai prossimi Europei
- Sport: Biathlon, Dorothea Wierer vince la Coppa del Mondo, la prima italiana della storia
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
15 dicembre 2018

Maestre vestono bimbo di rosa, la madre, meglio sporco di pipì

E' successo a Chivasso, nel Torinese, la madre: "Meglio la pipì che vestito da femmina e con le idee sull'identità di genere in conflitto"

Quei pantaloni fucsia, che le maestre hanno fatto indossare al figlio che si era fatto la pipì addosso, sono stati una offesa. E' quanto ha sostenuto la madre del bambino, che ha protestato con la scuola per la scelta delle insegnanti: "meglio bagnato che vestito da femmina". L'episodio, raccontato da alcuni giornali locali, è accaduto la scorsa settimana a Chivasso, nel Torinese, alla scuola dell'infanzia Peter Pan. Il bimbo non è riuscito a trattenere la pipì e, per tre volte, le maestre hanno dovuto cambiarlo. L'ultima volta, però, le insegnanti hanno dovuto far ricorso all'armadio dei vestiti d'emergenza, perché i cambi erano finiti. L'unico paio di pantaloni era fucsia e le maestre non hanno avuto dubbi a farglielo indossare. Ed è così che lo riconsegnano a chi lo viene a prendere a fine giornata. Passa il fine settimana e lunedì mattina la mamma si presenta in classe e consegna alle maestre una lettera: "Vi ringrazio per i pantaloni rosa e le mutandine che avete imprestato al bambino, dopo aver esaurito la scorta. Però le norme sociali non le abbiamo fatte noi. Lo preferivamo pisciato, che sappiamo asciuga, che vestito da femmina e con le idee sull'identità di genere in conflitto". In difesa delle insegnanti è intervenuto il dirigente scolastico. "Le maestre", ha detto quest'ultimo, "hanno agito con buon senso".

Maestre vestono bimbo di rosa, la madre, meglio sporco di pipì