Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: due maestre sospese in una scuola dell'infanzia di Fiumicino, accusate di maltrattamenti nei confronti dei piccoli alunni
- Usa: choc per la foto del migrante morto in Rio Grande con la figlioletta di due anni, l'uomo cercava di raggiungere il Texas attraversando il fiume, trovati morti anche una donna e tre bambini
- Napoli: operazione anti-camorra, oltre cento arresti in tutt'Italia, colpiti i clan della cosiddetta Alleanza di Secondigliano
- Manduria (Ta): nove nuovi arresti per la morte di Antonio Cosimo Stano, morto dopo essere stato bullizzato per mesi da una baby gang, otto sono minorenni
- Roma: settimana di caldo africano, temperature in aumento, al Nord anche 38 gradi, al Sud in arrivo qualche temporale, domani e dopodomani il picco
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, rimasta chiusa dopo un incidente in cui rimasero coinvolti i tifosi del Cska Mosca, per un malfunzionamento della scala mobile
- Roma: i 5 Stelle pronti a chiedere la revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia, ma è ira della Lega, sullo sfondo anche la partita-Alitalia
- Usa: allarme Onu, per il clima 120 milioni di nuovi poveri nel 2030, i cambiamenti minacciano di annullare 50 anni di sviluppo
- Calcio: mondiali femminili in Francia, entusiasmo per l'Italia e boom in Tv, in quattro milioni e mezzo per la vittoria sulla Cina, sabato le azzurre affronteranno l'Olanda nei quarti, appuntamento alle 15.00 su Rtl 102.5
- Calcio: Buffon sarebbe vicino ad un clamoroso ritorno alla juventus, nel ruolo di secondo portiere e uomo spogliatoio a supporto del neo-tecnico, Maurizio Sarri
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
23 maggio 2019
  1. /

Michele Bravi, sono in terapia e nulla sarà come prima

Il cantante ha parlato per la prima volta dopo l’incidente stradale dello scorso novembre

Michele Bravi ha parlato per la prima volta dopo l’incidente, in un’intervista al Corriere della Sera. Il cantante è in terapia, non ha ancora ripreso a guidare ed è stato mesi in un silenzio da cui ora sta tentando di iniziare ad uscire. L’incidente dello scorso novembre l’ha cambiato per sempre. "La mia paura è fare la vittima, davvero non voglio", dice Michele Bravi. Nell’incidente stradale è morta una donna che a bordo di uno scooter si è scontrata con la sua automobile. "Sono stato mesi senza dire una parola", spiega Bravi, "poi le persone che mi sono state vicino in questo periodo mi hanno chiesto di tornare alla realtà". Quanto accaduto ha "cambiato il mio modo di vedere le cose", dice il cantante. "Impari a convivere con il male". Dell’incidente preferisce invece non parlare. "Non vorrei parlarne, non voglio rendere questa tragedia un momento di opinione pubblica. Dico solo che sono state fatte intendere tante cose sbagliate". Stessa riservatezza sui contatti con la famiglia della vittima: "Preferirei non condividerlo, non per mancanza di fiducia, ma perché questo è un mio modo per ritornare alla realtà, non per riaprire una ferita. E mi fa male possa succedere nel tentativo di ritrovare la mia voce. Anche il mio condividere è cambiato: c'è una fetta di privato che è giusto rimanga tale. Una tragedia non può essere affrontata nei contesti sbagliati. Questa è la prima volta che torno a mettere la faccia in prima persona". Per Michele ora "tutto ha un peso diverso: anche la mia voce. Dire che l'ho ritrovata è prematuro". Non so se le cose torneranno mai come prima. Però mi manca la gente, tantissimo. La voglia di incontrarla è ancora tanta. Sto muovendo i primi passi".​

Michele Bravi, sono in terapia e nulla sarà come prima