MotoGp, in Catalogna vince a sorpresa Miguel Oliveira con la Ktm, giù dal podio Quartararo

06 giugno 2021, ore 16:51

Il leader del mondiale, partito dalla pole, corre una buona gara con un brivido nel finale: la tuta si apre e lo costringe a correre gli ultimi giri a petto nudo, ne approfittano Zarco e Miller, che completano il podio

Dopo le prove generali che lo avevano portato al podio nel weekend del Mugello, Miguel Oliveira fa felice la KTM regalando alla sua scuderia la vittoria nel GP di Cataogna, nel settimo appuntamento di questo Motomondiale, sul circuito di Montmelò. Per il pilota portoghese si tratta della terza vittoria nella top-class delle moto, dopo Stiria e Portogallo 2020, e soprattutto una conferma della crescita della scuderia austriaca. Tanta Italia sul podio di Catalogna, per la prima volta la Ducati piazza due moto sul podio, quella di Zarco del team Pramac e la rossa ufficiale di Jack Miller, complici i tre secondi di penalità inflitti nel finale a Fabio Quartararo per aver oltrepassato i limiti della pista. Solo settimo Pecco Bagnaia, in difficoltà in questo weekend mentre ottima gara per Mir sulla Suzuky e Viñ ales con la Yamaha. Delusioni per Marc Marquez e Valentino Rossi entrambi caduti.


La gara

Al via scatta benissimo Miller che riesce ad infilare Quartararo già alla prima staccata trascinandosi dietro anche Oliveira, partito dalla terza piazzola mentre il francese della Yamaha sembra pagare il miglior spunto degli avversari e viene risucchiato dal gruppo che sopraggiunge alle sue spalle guidato da un ottimo Mir che, con la sua Suzuky guadagna subito sei posizioni. Per il ducatista in testa al gruppo però la festa dura poco perché Oliveira spinge subito all’attacco la sua KTM riuscendo a sorpassare il potente motore della Desmosedici di Miller e prendendosi la vetta della gara. Nel gruppone centrale molti sorpassi movimentano la corsa con un Marc Marquez che appare in grande forma ma vanifica tutto cadendo nel corso del 9° giro in curva 10. Per fortuna non ci sono conseguenze per lo spagnolo che chiude anzitempo la sua corsa. Analoga sfortuna anche per Valentino Rossi, sulla stessa curva, ma anche in questo caso nessuna conseguenza. Per il “Dottore” è il terzo GP di Catalogna di fila chiuso nella ghiaia. Davanti Oliveira riesce a resistere agli assalti di Quartararo, che nel frattempo era riuscito a guadagnare secondi e posizioni sul portoghese ma nel momento di lanciare l’assalto finale, a tre giri dal termine, accade l’inaspettato: la tuta del pilota della Yamaha si apre improvvisamente con la protezione per le costole che vola via sulla pista. Nell’arco di pochi secondi il francese viene sorpassato dal connazionale Zarco sulla Ducati Pramac, e sbaglia una traiettoria andando a pizzicare il verde che gli costerà una penalità di tre secondi a fine gara. Percorre gli ultimi giri a 350 km/h letteralmente a petto nudo. Ad approfittarne Jack Miller che chiude sul gradino più basso del podio.


Le parole

Se qualcuno mi avesse detto che avrei ottenuto questi risultati, avrei detto che fosse matto. Sono sorpreso” queste le parole a caldo del vincitore del GP Miguel Oliveira, molto provato al termine della gara soprattutto per la grande concentrazione richiesta in pista: “A livello mentale ho sofferto di più, mi è costato molto provare a non andare largo a tutte le curve, fare sempre le linee giuste per mantenere la costanza. Questa è stata la chiave per aver vinto la gara”. Sul caso della tuta di Quartararo è intervenuto duramente l’ex campione del mondo Casey Stoner che tramite i propri social ha chiesto la bandiera nera per il francese: "Che sia stato Fabio o meno a tirare giù la zip di proposito, credo che quella avrebbe dovuto essere una bandiera nera - le parole di Stoner -. A questi livelli non può essere consentito correre a più di 350km/h con la tuta aperta". Quartararo è ancora in testa alla classifica piloti del motomondiale con 118 punti inseguito da Zarco, 17 punti di distanza e Miller a quota 90 punti.
MotoGp, in Catalogna vince a sorpresa Miguel Oliveira con la Ktm, giù dal podio Quartararo
Tags: Barcellona, Catalogna, MotoGp, Oliveira, Quartararo

Share this story: