Oggi è il Disconnect Day, un giorno intero, o quasi, senza telefoni

 11 maggio 2019 | Corinaldo, Disconnect Day, Smartphone, Social

Si tratta della prima edizione dell'iniziativa, organizzata nel borgo marchigiano di Corinaldo

Un intero giorno, o quasi, senza utilizzare il cellulare. È questa la sfida che hanno lanciato oggi gli organizzatori del Disconnect Day, giornata dedicata a contrastare l'iperconnessione da smartphone. La manifestazione parte oggi a Corinaldo, nella provincia di Ancona, dove è ancora aperta la ferita segnata dalla tragedia della discoteca Lanterna Azzurra in cui lo scorso dicembre sono morti nella calca cinque ragazzini e una giovane mamma. Si tratta della prima edizione dell'iniziativa, promossa dall'associazione nazionale Di.Te. (Dipendenze Tecnologiche, Gap e Cyberbullismo). La sfida è chiara: lasciare il telefono spento per qualche ora e riprendere invece il controllo della propria vita, resistendo alla tentazione di controllare notifiche, email e chiamate, di guardare video o postare foto su Facebook e Instagram. Nei vari punti del paese sarà possibile consegnare il proprio device, che verrà poi sigillato in una busta. Intervistati in merito alla prospettiva di disconettersi, alcuni adolescenti hanno dichiarato che "vorrebbero provarci, ma - aggiungono- se poi arrivano comunicazioni importanti come, per esempio, sulle attività sportive, come si fa?". Secondo alcune stime, smartphone, tablet e computer occupano 3 ragazzi su 10 tra le 4 e le 6 ore al giorno, tra gli 11 e i 26 anni. Il 13% del campione intervistato, inoltre, è addirittura connesso on line per oltre 10 ore.
Oggi è il Disconnect Day, un giorno intero, o quasi, senza telefoni

Share this story: