Pompei: il Giro d’Italia incontra la storia

Pompei: il Giro d’Italia incontra la storia

Pompei: il Giro d’Italia incontra la storia Photo Credit: agenziafotogramma.it


Decima tappa: la corsa rosa è partita da uno dei siti archeologici più importanti, sullo sfondo le antiche rovine

POMPEI OGGI

Istantanea: una piazza gremita, un palco rosa e la musica di RTL 102.5. Siamo a Pompei, dove ha preso il via la decima tappa del Giro. Da oggi si comincia la risalita dello Stivale, abbiamo toccato il punto più a sud del tracciato della corsa, e ora si scavalleranno gli Appennini e si correrà sul versante Adriatico, dalle coste dell’Abruzzo in direzione riviera romagnola. Una giornata estiva, in un paese che si muove, un po’ pigro, nella propria tranquilla quotidianità, buttando un occhio e un orecchio alla festa di piazza.

POMPEI IERI

Magari era un giorno simile, quello del 79 d.C., quando il Vesuvio si svegliò dal suo sonno ed esplose in una eruzione disastrosa, che cristallizzò in un momento qualsiasi un vivace centro dell’impero Romano. Per 1700 anni, tutta l’area coinvolta dalla fuoriuscita di lava cenere e lapilli restò bloccata sotto una spessa coltre di materiale solidificato. Solo nel XVIII secolo Carlo III di Spagna, re di Napoli, ordinò di iniziare gli scavi, intuendo che qualcosa di importante si celasse sotto quel mantello scuro. Gli scavi, dunque, durano da oltre 300 anni, ma ancora ci regalano sorprese, perché solo 2/3 del sito sono stati portati alla luce.

LA PROTOPIZZA

Nel 2023 è stata portata alla luce una domus che su una parete conserva un affresco dell’antenata millenaria della pizza napoletana. Un vassoio d’argento sul quale sono disposti una focaccia, un po’ di frutta e un calice di vino. Il cornicione dell’antenata ricorda davvero da vicino la pronipote: spessa e gonfia, come vuole tradizione.

LA VENEZIA DI 3500 ANNI FA

In tema di curiosità, c’è un luogo a pochi chilometri dall’area archeologica, che è meno conosciuto, ma ugualmente interessante: si chiama Longola, è un villaggio dell’era del bronzo (1500 anni prima di Cristo), che è stato soprannominato dagli studiosi la Venezia della protostoria. Si tratta di un piccolo insediamento sulla foce del fiume Sarno che si sviluppava su isolotti collegati tra loro da canali artificiali, che venivano percorsi da piroghe in legno di cui sono trovate tracce durante i recenti scavi. Intorno al VII sec. aC, probabilmente un evento climatico molto intenso, costrinse questo piccola comunità a spostarsi di alcuni chilometri e a fondare un nuovo piccolo centro, che, si presume, sia il nucleo originario di Pompei. Dal 1997, quest’area è sottoposta sotto l’egida dell’UNESCO e dichiarata patrimonio dell’umanità. Tornando all’istantanea, quella di Pompei antica, bloccata sotto un cielo nero e spesso, è l’immagine più nitida dei tempi antichi, senza la quale non avremmo avuto accesso all’incredibile quantità di dettagli preziosi di cui Pompei è scrigno e custode.


Argomenti

Girod'Italia
Pompei
Vesuvio

Gli ultimi articoli di Valentina Iannicelli

  • Giro d'Italia: sul fiume Piave, nel cuore della Storia

    Giro d'Italia: sul fiume Piave, nel cuore della Storia

  • Il Giro d’Italia attraversa la foresta dei violini

    Il Giro d’Italia attraversa la foresta dei violini

  • Il Giro-E, tra ecologismo e sostenibilità con prestazioni di alto livello

    Il Giro-E, tra ecologismo e sostenibilità con prestazioni di alto livello

  • Il Giro d’Italia visto da un protagonista: l’esperienza di Mirco Maestri del Team Polti-Kometa

    Il Giro d’Italia visto da un protagonista: l’esperienza di Mirco Maestri del Team Polti-Kometa

  • Non solo maglia rosa: al Giro si lotta per molti obiettivi

    Non solo maglia rosa: al Giro si lotta per molti obiettivi

  • Giro d’Italia: il trofeo tra cielo e terra

    Giro d’Italia: il trofeo tra cielo e terra

  • Napoli riabbraccia il Giro d'Italia, tra grande entusiasmo e antiche tradizioni

    Napoli riabbraccia il Giro d'Italia, tra grande entusiasmo e antiche tradizioni

  • Il bilancio a 1/3 del Giro d’Italia

    Il bilancio a 1/3 del Giro d’Italia

  • Una Corsa Rosa fuori dall’ordinario

    Una Corsa Rosa fuori dall’ordinario

  • Il Giro d’Italia di una vecchia inviata, priva di esperienza

    Il Giro d’Italia di una vecchia inviata, priva di esperienza