Premi IgNobel 2023, tra alici che fanno sesso e peli del naso, la scienza si fa irresistibile

Premi IgNobel 2023, tra alici che fanno sesso e peli del naso, la scienza si fa irresistibile

Premi IgNobel 2023, tra alici che fanno sesso e peli del naso, la scienza si fa irresistibile Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


Nuova edizione degli IgNobel, i premi satirici assegnati alle ricerche più bizzarre tra quelle pubblicate sulle riviste scientifiche

Ciò che le rende geniali è che sono tutte ricerche vere, pubblicate su autorevoli riviste scientifiche. È proprio questo lo scopo del “Premio IgNobel”: premiare, in chiave satirica, gli studiosi che si siano distinti per la stravaganza – e senza dubbio l’originalità – delle loro teorie. Un concorso a cui, negli anni, hanno preso parte anche alcuni italiani. Ma non in questa edizione, che ha regalato davvero molti spunti.

LA CRESCITA DEI PELI, RIANIMARE RAGNI MORTI, IL SESSO DELLE ALICI

Quando le alici fanno l’amore influenzano il movimento delle acque dell’oceano? È quanto si è chiesto un team internazionale, che si è portato a casa l’IgNobel per la Fisica. Nella categoria Nutrizione invece vince l’Università di Tokyo, che ha dimostrato come alcune bacchette elettrificate modifichino il sapore del cibo. Per la Chimica, premio allo studio polacco che chiarisce perché chi studia i fossili lecchi le rocce. A trionfare in Ingegneria Meccanica poi, sono stati i ricercatori che spiegano come rianimare ragni morti. Il premio per la Comunicazione è stato assegnato allo studio sul cervello delle persone in grado di parlare al contrario. Un’impresa non troppo distante da quella che si è aggiudicata l’IgNobel per la Letteratura, studiando gli effetti del ripetere la stessa parola moltissime volte. E ancora, la categoria Psicologia ha voluto capire quanti passanti si fermino a guardare in alto quando vedono estranei fare la stessa cosa. L'Istruzione invece ha voluto chiarire l'annosa questione del perché insegnanti noiosi abbiano studenti annoiati. Infine i riconoscimenti alle categorie Medicina e Sanità Pubblica: nel primo caso i ricercatori hanno quantificato la crescita dei peli nel naso dei cadaveri. Nel secondo hanno costruito una toilette speciale, in grado di eseguire un check-up immediato, con analisi di urine e feci, a chi le utilizzi.


L'ORIGINE DEL PREMIO

A fondare il Premio IgNobel, 33 anni fa, è stata la rivista scientifico-umoristica Annals of Improbable Research, con il contributo di associazioni studentesche della prestigiosa Università di Harvard. Un'iniziativa che può sembrare solo satirica, ma che invece aiuta ad attirare l'attenzione sulla scienza, anche nei suoi risvolti apparentemente più bizzarri o banali. Basti pensare che a premiare gli IgNobel, sono alcuni veri premi Nobel del passato. Un modo, insomma, per colmare la distanza che a volte sembra esserci tra mondo accademico e quotidianità. 


Argomenti

Harvard
Nobel
Premi IgNobel
ricerche
scienza

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

  • Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori

    Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori