Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: irritazione del governo di Parigi per le frasi del vicepremier Di Maio sui francesi che colonizzano l'Africa, convocata l'ambasciatrice italiana a Parigi
- Svizzera: allarme del Fondo Monetario Internazionale, la situazione economica dell'Italia è un fattore di rischio globale, come la Brexit
- Roma: intercettazione tra due carabinieri dopo la morte di Stefano Cucchi, bisogna avere spirito di corpo e aiutare i colleghi in difficoltà
- Roma: emergenza migranti, l'Ong Open Arms attacca, ci vogliono eliminare in quanto testimoni
- Vicenza: bambina di tre giorni scaraventata a terra dalla madre di 41 anni, la piccola morta in ospedale, la donna arrestata, ha tentato il suicidio
- Gb: Brexit, premier May in Parlamento, no a secondo referendum, sarebbe un pericoloso precedente, occorre lavorare insieme, spiace che Corbyn non abbia partecipato agli incontri
- Israele: bombardati obiettivi militari iraniani in Siria, Iran minaccia di distruggere Israele
- Napoli: festa in strada per la riapertura della pizzeria Sorbillo, dopo la bomba carta, oggi pizza gratis per tutti
- Calcio: Serie A, Genoa-Milan 0-2, gol di Borini e Suso, rossoneri quarti, alle 20.30 Juventus-Chievo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
08 gennaio 2019

Rischiare o fermarsi, ecco come decide il cervello

Si instaura un profondo dialogo fra i due emisferi, è quanto emerge da una ricerca alla Johns Hopkins University

E' solo dopo un intenso dialogo, una sorta di "tira e molla" fra i suoi due emisferi, che il cervello decide se scegliere o meno il rischio. E questo che si tratti di giocare a poker o di affrontare il campo di battaglia. Lo indica, sulla rivista dell'Accademia americana di scienze (Pnas), il gruppo della Johns Hopkins University coordinato da Sridevi Sarma e Pierre Sacré. Quando si scommette, a influire sulla scelta di alzare la posta o fermarsi sono i risultati delle vincite precedenti e i sentimenti legati ad esse, che si sommano. "C'è una propensione che si sviluppa nel tempo e fa vedere il rischio alle persone in modo diverso", osservano i ricercatori. Per capire perché le persone tendono ad affrontare il rischio quando le probabilità sembrano contro e ad evitarlo quando invece le possibilità sono a favore i ricercatori hanno coinvolto in un esperimento i pazienti malati di epilessia ricoverati in una clinica di Cleveland, analizzando la loro attività cerebrale mentre sfidavano il computer in un gioco di carte. 

Rischiare o fermarsi, ecco come decide il cervello

Utilizzando gli elettrodi in precedenza impiantati nel cervello per studiare l'origine delle crisi epilettiche, i ricercatori hanno potuto ricostruire in tempo reale le loro decisioni, scoprendo che le loro scelte dipendevano dalle esperienze passate. "Quando l'emisfero destro ha un'attività ad alta frequenza e devi scommettere, sei spinto a puntare di più. Se invece è più nel lato sinistro, si tende a non rischiare", osserva Sacrè. "I giocatori, prosegue, 'accumulano' tutti i valori delle carte uscite e i risultati passati, ma i ricordi tendono a sbiadire. In altre parole, ciò che succede alla fine influisce di più rispetto a ciò che è successo in precedenza e, sulla base della storia di scommesse di una persona, possiamo prevedere come questa si sentirà al momento di puntare".