Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Strasburgo, spari al mercatino di Natale, 4 morti e 9 feriti, l'attentatore un 29enne radicalizzato, è asserragliato, scontro a fuoco con la Polizia
- Francia: Strasburgo, presidente Parlamento Europeo Tajani, attacco in diverse zone, gli eurodeputati al sicuro
- Roma: incendio in un deposito di rifiuti sulla via Salaria, gli inquirenti non escludono il dolo o il sabotaggio, non ci sarebbero pericoli per la popolazione
- Roma: manovra economica, domani, a Bruxelles, vertice Conte-Juncker, oggi il premier ha riferito alle Camere
- Israele: ministro dell'interno Salvini, Hezbollah terroristi, Ministero Difesa, parole preoccupanti
- Roma: Valentino Talluto condannato in appello a 22 anni, il 34enne accusato di aver contagiato volontariamente 32 donne con il virus dell'Aids
- Kenya: arrestato uno dei tre rapitori di Silvia Romano, è caccia agli altri due sequestratori, non ci sono notizie certe della cooperante italiana
- Milano: un maestro di 46 anni colpito con due pugni dallo zio di un alunno, è accaduto durante un colloquio sul rendimento scolastico
- Calcio: Champions League, Inter-PSV Eindhoven 1-1 e Liverpool-Napoli 1-0, Inter e Napoli eliminate
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
01 dicembre 2018

Scienza, ideato sistema di previsione per eruzioni dell'Etna

Sarà in grado di avvisare da remoto un’ora prima dell’esplosione del vulcano

Dopo dieci anni di lavoro, è stato realizzato il primo sistema al mondo di allerta veloce (early warning) di un’eruzione vulcanica. Il sistema verrà usato per l’Etna ed è in grado di dare l’avviso da remoto un’ora prima dell’esplosione del vulcano. È il frutto della ricerca sul campo del team del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze. Naturalmente riuscire a dare l'allarme in tempi rapidi nelle situazioni di emergenza fa la differenza. Il ricercatore Maurizio Ripepe, capo del gruppo di ricerca, ne ha dato testimonianza in un recente articolo pubblicato sul Journal of Geophysical Research: Solid Earth. "Quello che abbiamo elaborato e testato in questi anni - spiega Ripepe- non è uno strumento di previsione delle eruzioni, ma un'allerta rapida di un'esplosione che si sta preparando. Quando un vulcano entra in una fase di dinamica instabile, il cui sviluppo sarà quasi sicuramente un'eruzione, entra in una fase di forte degassamento che immette nell'atmosfera gas e materiale lavico".​

Scienza, ideato sistema di previsione per eruzioni dell'Etna