Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: è in condizioni critiche Andrea Camilleri, ricoverato in rianimazione all'Ospedale Santo Spirito di Roma, lo scrittore, 93 anni, ha problemi cardiorespiratori
- Calcio: conferenza Totti, dimissioni, la società non mi ha mai coinvolto, pronto a tornare con altra proprietà, con Baldini, consulente di Pallotta, non c'è mai stato rapporto e mai ci sarà, americani hanno tolto la Roma ai romani
- Calcio: conferenza Totti, Roma, sua percezione dei fatti fantasiosa e lontana dalla realtà, amareggiati da addio, la proprietà non intende vendere
- Pakistan: quattro alpinisti italiani travolti da una valanga, incidente avvenuto a quota 5.300 metri, i soccorsi riusciranno a partire solo domani, i quattro sarebbero vivi
- Firenze: migliaia di persone alla camera ardente di Franco Zeffirelli, allestita a Palazzo Vecchio, i funerali saranno celebrati oggi in Duomo
- Avigliana (To): morto il 15enne che ieri aveva accusato un malore mentre faceva il bagno nel lago, stava festeggiando la fine degli esami di terza media
- Cagliari: uomo ucciso a fucilate, in corso le ricerche del killer, ignoto per ora il movente
- Calcio: mondiali femminili di Francia, questa sera Italia-Brasile, ultima partita del girone, in palio il primo posto, speciale su Rtl 102.5 dalle 20.45
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
22 maggio 2019

Siria, liberato l'italiano Alessandro Sandrini a Idlib

Era stato rapito nel 2016 durante un viaggio in Turchia, ma si apprese del sequestro solo un anno dopo

Alessandro Sandrini, rapito al confine tra Siria e Turchia nel 2016, è stato liberato dal 'governo di salvezza', gruppo antigovernativo della zona di Idlib. Lo annunciano le stesse forze pubblicando le foto dell'italiano sui social e affermando che il bresciano era nelle mani di una banda criminale. "Confermo, mio figlio è libero si trova ancora in Siria ma nelle mani dei nostri carabinieri". Lo ha detto Gianfranco Sandrini, il padre del ragazzo bresciano scomparso durante un viaggio in Turchia ormai tre anni fa. "Sono felicissimo" ha detto il genitore "è la fine di un incubo adesso sto andando a Roma, spero di potergli parlare al telefono stanotte". Del rapimento di Sandrini si apprese solo un anno dopo la scomparsa, nel dicembre 2017. Il bresciano era in viaggio in Turchia. Poi, dopo quattro telefonate alla madre avvenute nel corso di diversi mesi, nel luglio 2018, il drammatico video nel quale il 32enne con indosso una tuta arancione sotto la minaccia di due uomini armati di Ak-47. "Chiedo all'Italia di aiutarmi, di chiudere questa situazione in tempi rapidi. Due anni che sono in carcere, non ce la faccio più. Mi hanno detto che sono stufi, che mi uccideranno se la cosa non si risolve in tempi brevi. Non vedo futuro, non so cosa pensare", diceva tra l'altro. Sandrini manca da casa dal 3 ottobre 2016, quando salù su un volo che da Orio al Serio, via Istanbul, lo portò ad Adana, cittadina turca a 180 chilometri da Aleppo. "Vado per una vacanza", disse alla famiglia.

Siria, liberato l'italiano Alessandro Sandrini a Idlib