Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori

Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori

Spagna, Irlanda e Norvegia riconosceranno lo Stato palestinese. Israele richiama i suoi ambasciatori Photo Credit: AgenziaFotogramma.it


La data chiave è quella del 28 maggio. Di "medaglia agli assassini di Hamas" ha parlato il ministro degli esteri israeliano. Abu Mazen auspica che la decisione venga seguita da altri paesi europei

La data chiave è quella del 28 maggio: il giorno a partire dal quale Spagna, Norvegia e Irlanda riconosceranno ufficialmente lo Stato palestinese. Ad annunciarlo i premier dei tre stati, rispettivamente Pedro Sanchez, Jonas Gahr e Simon Harris. Duro l’affondo dello spagnolo Sanchez che ha affermato che il premier israeliano Netanyahu "mette in pericolo" la soluzione a due Stati e "non ha un progetto di pace". Immediata la reazione israeliana, con Tel Aviv che ha richiamato i suoi ambasciatori. “Hanno deciso di assegnare la medaglia d’oro agli assassini di Hamas” ha detto il ministro degli esteri Israel Katz, spiegando di aver convocato gli inviati di Irlanda, Norvegia e Spagna per mostrargli "il video delle soldatesse israeliane rapite da Hamas". Organizzazione islamista che intanto esulta, affermando che il riconoscimento della Palestina da parte dei tre Stati è un risultato ottenuto grazie alla "coraggiosa resistenza palestinese".


LE ALTRE REAZIONI

Il presidente dell'Autorità Palestinese Abu Mazen ha salutato con favore l'annuncio del riconoscimento, esortando gli altri Paesi europei a seguire questa decisione. Un'idea con cui non è in linea la Francia. Il ministro degli esteri Stéphane Séjourné infatti ha fatto sapere che il riconoscimento della Palestina "non è un tabù per Parigi" ma che ritiene che in questo momento non ci siano le condizioni affinché la decisione possa avere un impatto reale. A margine di un seminario alla Farnesina, anche il Ministro degli Esteri Antonio Tajani ha ribadito che non può esserci "un riconoscimento della Palestina senza il riconoscimento di Israele dello Stato palestinese e viceversa". Ha poi aggiunto che "bisogna capire cosa sia lo Stato palestinese perché non possiamo riconoscere uno Stato a guida di Hamas"


GIUDICI ISRAELIANI, "SENZA BASI" LA RICHIESTA DI ARRESTO DELLA CPI

Una discussione che si apre a pochi giorni dalla richiesta del procuratore capo della Corte penale internazionale di emettere un mandato d'arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Gallant, oltre che per i leader di Hamas. Una richiesta che poco fa il procuratore generale di Israele e il procuratore di Stato, i due maggiori magistrati israeliani, hanno definito "senza basi", sostenendo di aver esaminato tutte le accuse di violazioni della legge imputate e che la Cpi non ha l'autorità per indagare e incriminare leader israeliani. "Le forze di sicurezza, inclusa l'Idf - hanno affermato in una nota congiunta - combattono la guerra nel pieno rispetto delle regole del diritto internazionale".


Argomenti

corte penale internazionale
Israele
Palestina
riconoscimento Stato Palestinese
Sanchez

Gli ultimi articoli di Ludovica Marafini

  • Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

    Scuola, lotta del governo ai diplomifici. Per 47 istituti revoca dello status di "paritari"

  • Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

    Milano, incidente sulla tangenziale nord tra un'auto e un camion. Due ragazzi sono morti

  • Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

    Stupro a Roma, arrestato Simone Borgese, già condannato per altre violenze

  • Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

    Amanda Knox, confermata la condanna per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba

  • Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

    Natisone, la Procura indaga per omicidio colposo. Proseguono le ricerche dell'ultimo disperso

  • Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

    Gaza, Hamas potrebbe accettare il piano di Biden. Netanyahu, tregua momentanea per gli ostaggi

  • Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

    Attesa per la sentenza nel processo a Donald Trump. "Da presidente avrei bombardato Russia e Cina"

  • Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

    Giulia Tramontano, un anno dopo il delitto Impagnatiello racconta in aula la sua verità

  • Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

    Raid israeliano su un campo profughi a Rafah. Almeno quaranta i morti, centinaia i feriti

  • Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti

    Maiorca, crolla la terrazza di un ristorante. Quattro i morti e numerosi i feriti