Bones and All, un film che ci insegna a mordere la vita per non morire

Bones and All, un film che ci insegna a mordere la vita per non morire

Bones and All, un film che ci insegna a mordere la vita per non morire


È uscito oggi nelle sale il film che ha trionfato all'ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, portando Guadagnino a vincere il premio per la miglior regia

L’attesa è finita. Dopo averne parlato a lungo, finalmente arriva sul grande schermo, il film di Luca Guadagnino Bones and All, con Timothee Chalamet e Taylor Russell nei panni di una coppia di giovani innamorati. Un titolo che ha tutte le carte in regola per fare grandi numeri e sbancare al botteghino, contribuendo a portare la gente al cinema e confermando così il trend positivo delle ultime settimane. Ad esempio Chalamet, potrebbe essere l’asso nella manica della pellicola in quanto, ogni volta che appare in pubblico, folle oceaniche di fan lo accolgono con affetto e stima.


BONES AND ALL, LA TRAMA DEL FILM

Bones and All racconta la storia di Maren, una giovane donna che impara a sopravvivere ai margini della società, e Lee, un reietto vagabondo dall’animo combattivo. Sarà amore a prima vista tra i due giovani che hanno anche una cosa in comune. Entrambi hanno una predilezione per la carne umana. I due intraprenderanno un’odissea di centinaia di chilometri lungo l’America di Ronald Reagan, tra passaggi segreti, botole e stradine di provincia. Ma per quanto ci provino, qualunque strada non farà che portarli indietro ai loro terribili trascorsi.


AMORE A PRIMO MORSO

Un film struggente e complesso, che racconta la difficoltà di accettare la propria identità e diventare adulti. Cannibalismo e romanticismo, amore e morte che ballano un tango pieno di vita e di passione. Un road movie adolescenziale racchiuso nella parentesi di un’estate americana degli anni 80. Due personaggi che sprigionano tutta la loro voglia di mangiare non solo la carne umana, ma anche la vita che li attende e che gli si spalanca davanti. Prima però, bisogna chiudere i conti con un passato troppo ingombrante, una ferita aperta che deve essere rimarginata.

Il film è costellato di paesaggi tipicamente americani che mano mano che la storia avanza, si liberano sempre di più della loro immensa vastità. Queste vedute così grandi che spesso fagocitano i due protagonisti, sembrano quasi le pagine bianche del libro della vita che Maren e Lee devono scrivere, magari insieme, celebrando il loro amore. Chalamet svetta per l’ennesima interpretazione magnetica e ammaliante, che conferma il sodalizio vincente con Guadagnino.


Il film ha ottenuto il Leone d’argento all’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia per la miglior regia e il premio Mastroianni per l’interpretazione di Taylor Russell.


Argomenti

Bones and All
Luca Guadagnino

Gli ultimi articoli di Mario Vai

  • Cannes 2024: Coppola divide, Lanthimos delude. Sette minuti di applausi per Kevin Costner

    Cannes 2024: Coppola divide, Lanthimos delude. Sette minuti di applausi per Kevin Costner

  • Al via Cannes 2024. L’italia spera con Sorrentino. Coppola a caccia della sua terza Palma D’oro

    Al via Cannes 2024. L’italia spera con Sorrentino. Coppola a caccia della sua terza Palma D’oro

  • Mostra del cinema di Venezia, Alberto Barbera confermato fino al 2026

    Mostra del cinema di Venezia, Alberto Barbera confermato fino al 2026

  • Disney, trimestrale 2024: bene lo streaming ma il titolo crolla a Wall Street

    Disney, trimestrale 2024: bene lo streaming ma il titolo crolla a Wall Street

  • Cinema, ecco la classifica dei film più redditizi del 2023. Barbie è al secondo posto

    Cinema, ecco la classifica dei film più redditizi del 2023. Barbie è al secondo posto

  • Verso i David di Donatello 2024: La Chimera, lo sguardo magico di Alice Rohrwacher

    Verso i David di Donatello 2024: La Chimera, lo sguardo magico di Alice Rohrwacher

  • Verso i David di Donatello 2024, Comandante. Una storia eroica e retorica ma molto umana

    Verso i David di Donatello 2024, Comandante. Una storia eroica e retorica ma molto umana

  • Verso i David di Donatello 2024, Rapito di Marco Bellocchio. Il potere di diventare liberi

    Verso i David di Donatello 2024, Rapito di Marco Bellocchio. Il potere di diventare liberi

  • Challengers, un triangolo amoroso sul campo da Tennis

    Challengers, un triangolo amoroso sul campo da Tennis

  • Verso i David di Donatello 2024, Il sol dell’avvenire: il canto del cigno del Nanni Cinematic Universe

    Verso i David di Donatello 2024, Il sol dell’avvenire: il canto del cigno del Nanni Cinematic Universe