Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Londra: il premier Teresa May annuncia le dimissioni per il 7 giugno, profondo rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit
-
-
- Roma: oggi ultimo giorno di campagna elettorale per le elezioni europee, si vota domenica, Salvini a Rtl 102.5, la Lega sarà il primo partito
- Milano: il ministro dell'Interno Salvini a Rtl 102.5, voglio portare al 15% le tasse in Italia, ma l'Europa dice no, bisogna cambiare regole e vincoli con Bruxelles
- Milano: Matteo Salvini a Rtl 102.5, la norma sull'abuso d'ufficio va cambiata, altrimenti l'Italia si blocca, Di Maio ribadisce il suo No
- Lamezia Terme (CZ): arrestato maestro d'asilo di 64 anni, accusato di violenza sessuale su minori
- Roma: in corso dall'alba un blitz delle forze dell’ordine contro il clan Casamonica nella periferia della capitale, perquisizioni e arresti
- Lampedusa: nuovo sbarco di migranti all'alba, arrivate 57 persone partite dalla Libia
- Usa: Trump, il caso Huawei potrebbe essere risolto nell'ambito degli accordi commerciali con la Cina, Amazon Giappone blocca la vendita diretta di prodotti Huawei
- Torino: gravi le condizioni della bimba nata con un cesareo d'urgenza, dopo che la madre era stata investita da un pirata della strada
- Usa: Julian Assange incriminato, nei confronti del fondatore di Wikileaks presentati ben 17 capi d'accusa
- Usa: abusi sessuali a Hollywood, il produttore Harvey Weinstein verso un patteggiamento da 44 milioni di dollari
- Calcio: Maurizio Sarri di nuovo in pole position per la Juventus, Marcello Lippi intanto torna alla nazionale cinese
- Ciclismo: Giro d'Italia, oggi la 13esima tappa con arrivo in salita a Ceresole Reale, in maglia rosa lo sloveno Polanc
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
11 maggio 2019

Bulli sempre più giovani e soli, genitori assenti

Secondo gli esperti, i videogiochi violenti non sarebbero una causa ma un "detonatore" della rabbia

Sempre più giovani e sempre più soli: i nuovi bulli sono adolescenti su cui pesa l'assenza dei genitori. Non aggrediscono per mimare quello che vedono nei videogiochi, ma piuttosto utilizzano la realtà digitale per sfogare la rabbia che hanno dentro. Una rabbia che in alcuni casi, come di recente a Manduria, Bologna e a Reggio Calabria, prendono di mira chi è più fragile. "Atti di bullismo da branco - spiega Federico Tonioni, esperto di cyberbullismo e dipendenze in età dello sviluppo presso la Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma - ci sono sempre stati, è un fenomeno antico perché l'aggressività purtroppo è un elemento costitutivo dell'essere umano. Probabilmente prima non venivano alla luce, mentre adesso se ne parla di più, si fanno emergere, c'è una risonanza mediatica diversa. Quel che è certo è che si abbassa in modo sempre più preoccupante l'età di questi bulli, come d'altronde vediamo che si abbassa l'età media per qualsiasi cosa, sia per quanto riguarda la maturità e le capacità cognitive, che per la scoperta della sessualità o per episodi di violenza che rasentano la follia". Ma cosa c'è dietro? Spesso rabbia e molta solitudine. "In molti casi - prosegue lo psichiatra - pesa l'assenza genitoriale, che inizia quando i figli sono piccolissimi. Abbiamo sempre più spesso ragazzi 'allevati' dai tablet, con genitori che fanno presto a sentirsi in colpa, ma hanno difficoltà a sentirsi responsabili". Non c'entrano, invece, i videogiochi violenti. "Sarebbe una semplificazione pensare che possa bastare eliminare l'esposizione a questi. I ragazzi sanno perfettamente che differenza c'è tra realtà digitale e quotidianità, molto più di quanto non immaginiamo. Anzi, i videogiochi sono detonatori, e non causa, della rabbia accumulata prima". 

Bulli sempre più giovani e soli, genitori assenti