Calabria, quattro familiari vessano una ragazza vittima di violenza sessuale per farla ritrattare e ritirare la denuncia

Calabria, quattro familiari vessano una ragazza vittima di violenza sessuale per farla ritrattare e ritirare la denuncia

Calabria, quattro familiari vessano una ragazza vittima di violenza sessuale per farla ritrattare e ritirare la denuncia Photo Credit: agenziafotogramma.it


Ora il fratello la sorella e i rispettivi compagni della giovane vittima di abusi sono finiti agli arresti domiciliari. Erano arrivati a invitare la ragazza a suicidarsi

FAMIGLIA NON PROTETTIVA

La casa, la famiglia: in teoria il porto sicuro dove rifugiarsi e trovare aiuto in caso di pericolo. Ma non è sempre così, anzi. Questa storia arriva dalla Calabria. Una giovane donna è vittima di abusi sessuali, decide di denunciare i presunti responsabili, tra cui il fidanzato e tre suoi amici. Parte una inchiesta, chiamata “Operazione Masnada” che porta all’identificazione di una ventina di uomini, alcuni anche minorenni, considerati colpevoli di abusi e violenze sessuali di gruppo; tra loro ci sono diversi appartenenti alle cosche legate alla ‘ndrangheta. La giovane vittima in famiglia non riceva solidarietà, tutt’altro.

VESSAZIONI E MINACCE

Quattro suoi familiari - cioè il fratello, la sorella e i rispettivi compagni – iniziano a vessare la ragazza, la attaccano perché ha presentato denuncia, la invitano caldamente a fare un passo indietro, a ritrattare le accuse, a smettere di collaborare con la giustizia. Arrivano persino a invitarla al suicidio. Tra i diversi episodi acclarati, è emerso come gli indagati avessero anche tentato di costringere la ragazza a sottoporsi ad una visita psichiatrica, con il chiaro intento di ottenere una certificazione medica attestante la sua non capacità di intendere e di volere, rendendone così inutilizzabili ed inattendibili le dichiarazioni. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari, sono state effettuate anche perquisizioni personali e locali che hanno consentito di sequestrate dispositivi elettronici, informatici e telefoni cellulari.


AGLI ARRESTI DOMICILIARI

I quattro familiari ora sono stati arrestati e posti ai domiciliari dagli agenti della Polizia di Stato di Palmi e Reggio Calabria: sono accusati di reati di violenza o minaccia per costringere a commettere reato ed intralcio alla giustizia. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di un'ordinanza emessa dal Tribunale di Palmi



Argomenti

abusi
Calabria
'ndrangheta
violenza

Gli ultimi articoli di Paolo Pacchioni

  • Alessandra Todde vince le regionali in Sardegna, battuta d'arresto del centrodestra e di Giorgia Meloni

    Alessandra Todde vince le regionali in Sardegna, battuta d'arresto del centrodestra e di Giorgia Meloni

  • Indagine sul generale Vannacci, è accusato di aver gonfiato le note spese; ma la Lega lo difende

    Indagine sul generale Vannacci, è accusato di aver gonfiato le note spese; ma la Lega lo difende

  • Altavilla Milicia, una setta di fanatici alle spalle di Barreca, che ha ucciso moglie e due figli

    Altavilla Milicia, una setta di fanatici alle spalle di Barreca, che ha ucciso moglie e due figli

  • Champions League, pareggio 1-1 tra Napoli e Barcellona; a Lewansowski risponde Osihmen

    Champions League, pareggio 1-1 tra Napoli e Barcellona; a Lewansowski risponde Osihmen

  • Champions, l'Inter batte 1-0 l'Atletico Madrid, a san Siro decide un gol di Arnautovic. Domani Napoli-Barcellona

    Champions, l'Inter batte 1-0 l'Atletico Madrid, a san Siro decide un gol di Arnautovic. Domani Napoli-Barcellona

  • L'Inter allunga in testa, viaggio nella crisi di Juventus Milan e Napoli

    L'Inter allunga in testa, viaggio nella crisi di Juventus Milan e Napoli

  • Serie A, clamorosa sconfitta del Milan a Monza, i rossoneri falliscono il sorpasso sulla Juventus

    Serie A, clamorosa sconfitta del Milan a Monza, i rossoneri falliscono il sorpasso sulla Juventus

  • Gli USA accusano la Russia di preparare una nuova arma nucleare, Mosca smetisce e attacca la Casa Bianca

    Gli USA accusano la Russia di preparare una nuova arma nucleare, Mosca smetisce e attacca la Casa Bianca

  • Vent'anni senza Marco Pantani. Riaccese la passione per il ciclismo, il suo mito vive ancora

    Vent'anni senza Marco Pantani. Riaccese la passione per il ciclismo, il suo mito vive ancora

  • Il ministro Guido Crosetto ricoverato in ospedale per forti dolori al petto, sospetta pericardirte

    Il ministro Guido Crosetto ricoverato in ospedale per forti dolori al petto, sospetta pericardirte