I giocatori del Napoli in ginocchio prima della partita contro l'Atalanta. Un gesto contro il razzismo dopo il caso Acerbi-Juan Jesus

I giocatori del Napoli in ginocchio prima della partita contro l'Atalanta. Un gesto contro il razzismo dopo il caso Acerbi-Juan Jesus

I giocatori del Napoli in ginocchio prima della partita contro l'Atalanta. Un gesto contro il razzismo dopo il caso Acerbi-Juan Jesus Photo Credit: agenziafotogramma.it


Prima della partita l'attore e regista Marco D'Amore ha letto un messaggio contro il razzismo

Nei giorni scorsi, dopo la mancata squalifica per assenza di prove nei confronti di Acerbi per le accuse di razzismo nei confronti di Juan Jesus, il Napoli aveva annunciato che non avrebbe più aderito a iniziative delle istituzioni calcistiche contro il razzismo e le discriminazioni. Promessa rispettata perché prima della partita contro l’Atalanta, tutti i giocatori compresa la panchina, si sono inginocchiati durante l’inno della Serie A; un gesto diventato il simbolo della lotta contro le discriminazioni razziali (soprattutto nei confronti della comunità afroamericana) da quando il giocatore di football americano Colin Kaepernick l'ha fatto nel 2016 per protestare contro abusi ed ingiustizie subite dalla comunità afroamericana negli Stati Uniti. Da quel momento è diventato il gesto per eccellenza del movimento Black Lives Matter. Non è stata però l’unica iniziativa presa dal Napoli: oltre all'assenza del patch della campagna contro il razzismo sulle maglie di gioco infatti, gli azzurri hanno ospitato sul terreno di gioco due volti noti agli appassionati partenopei per lanciare un appello. Prima Mohamed Seck Mane, attaccante delle giovanili azzurre e che era stato a sua volta fatto oggetto di parole e atti di discriminazione durante una partita ufficiale, poi Marco D'Amore, prima attore e poi regista dell'ultima serie di “Gomorra” che prendendo la parola e ispirandosi ai video pubblicati dal Napoli in questi giorni ha prima rimarcato “che non è più il tempo dell'indifferenza” e ha poi chiesto al pubblico di gridare forte “No al razzismo!”.  Anche sugli spalti i tifosi si sono fatti sentire con cori e striscioni dedicati a Juan Jesus e contro il razzismo. In particolare un ampio gruppo di sostenitori ha mostrato dei cartelli con la scritta: "Io sto con Juan. NO RAZZISMO... RISPETTO"


Argomenti

Acerbi
Juan Jesus
Napoli
Razzismo

Gli ultimi articoli di Nicolò Pompei

  • Strage di Erba: Nessun nuovo processo per Olindo e Rosa, ergastolo confermato. Nuove prove considerate insufficienti

    Strage di Erba: Nessun nuovo processo per Olindo e Rosa, ergastolo confermato. Nuove prove considerate insufficienti

  • Sinner e Paolini ai quarti di finale di Wimbledon. L'altoatesino è il primo italiano a raggiungere per tre volte questo traguardo

    Sinner e Paolini ai quarti di finale di Wimbledon. L'altoatesino è il primo italiano a raggiungere per tre volte questo traguardo

  • Wimbledon: Il derby azzurro è di Jannik Sinner, battuto Matteo Berrettini in un match spettacolare

    Wimbledon: Il derby azzurro è di Jannik Sinner, battuto Matteo Berrettini in un match spettacolare

  • Jannik Sinner campione ad Halle. Il tennista azzurro conquista il quarto titolo stagionale battendo in finale il polacco Hurkacz

    Jannik Sinner campione ad Halle. Il tennista azzurro conquista il quarto titolo stagionale battendo in finale il polacco Hurkacz

  • Moto GP: Splendida doppietta Ducati al Mugello. Bagnaia vince davanti a Bastianini, terzo Martin

    Moto GP: Splendida doppietta Ducati al Mugello. Bagnaia vince davanti a Bastianini, terzo Martin

  • Moto GP: Pecco Bagnaia vince la Sprint Race e infiamma il Mugello, secondo Marquez.

    Moto GP: Pecco Bagnaia vince la Sprint Race e infiamma il Mugello, secondo Marquez.

  • Olympiacos-Fiorentina, finale Conference League. Italiano: "Interpretiamo questa partita come se fosse l'ultima della vita"

    Olympiacos-Fiorentina, finale Conference League. Italiano: "Interpretiamo questa partita come se fosse l'ultima della vita"

  • Moto GP: A Barcellona Bagnaia sfata il tabù e vince la gara, secondo Martin, terzo Marquez

    Moto GP: A Barcellona Bagnaia sfata il tabù e vince la gara, secondo Martin, terzo Marquez

  • La madre di Chico Forti ha ricevuto una lettera dal fratello della vittima: "Mi auguro di ritrovarci per piangere insieme le vite perdute"

    La madre di Chico Forti ha ricevuto una lettera dal fratello della vittima: "Mi auguro di ritrovarci per piangere insieme le vite perdute"

  • Juventus, Allegri esonerato. La società: "comportamenti ritenuti non compatibili con i nostri valori"

    Juventus, Allegri esonerato. La società: "comportamenti ritenuti non compatibili con i nostri valori"