Istituto Candiolo, chirurgia robotica per sconfiggere cancro

 17 luglio 2019

Il progetto si chiama Ramie e si tratta di una soluzione mini-invasiva per il tratto gastro-intestinale

Una chirurgia sempre più hi-tech per combattere il cancro. E' la sfida dell'Istituto di Candiolo che ha ospitato il professor Richard Van Hillegersberg. Il luminare della chirurgia oncologica robotica del tratto gastro-intestinale ha operato un paziente affetto da cancro all'esofago con la tecnica della chirurgia oncologica mini-invasiva. Ramie, acronimo di Robotic Assisted Mini-invasive Esophagectomy, è un progetto voluto dall'Istituto di Candiolo e dalla Città della Salute nell'ambito di un programma internazionale di Chirurgia dell'apparato digerente. Van Hillegersberg, professore di Utrecht tra i massimi esperti mondiali di questa chirurgia con all'attivo oltre 400 casi di Ramie, ha operato alla consolle del robot Da Vinci XI, in servizio a Candiolo da alcuni mesi, per formare i chirurghi dell'Istituto. La collaborazione proseguirà, grazie alla tecnologia, anche con consulenze a distanza.                   
Istituto Candiolo, chirurgia robotica per sconfiggere cancro

Share this story: