Cinema, la notte degli Oscar, è Coda di Sian Heder il miglior film, litigio in diretta tra Will Smith e Chris Rock

Cinema, la notte degli Oscar, è Coda di Sian Heder il miglior film, litigio in diretta tra Will Smith e Chris Rock

Cinema, la notte degli Oscar, è Coda di Sian Heder il miglior film, litigio in diretta tra Will Smith e Chris Rock


L'attore, premiato come miglior attore protagonista in King Richard, non ha apprezzato una battuta di Rock su sua moglie, malata di alopecia. Poi le scuse all'Accademy e la commozione al ritiro della statuetta.

Si è conclusa  la 94esima edizione del premio più prestigioso del cinema. Una lunga diretta televisiva che non si è risparmiata, regalando momenti importanti che rimarranno nella storia degli Oscar, come il discorso in lingua dei segni di Troy Kotsur. Non c'è stato cominciare dal tanto atteso collegamento con il presidente Zelensky, ma comunque è stato osservato un minuto di silenzio per commemorare le vittime in Ucraina. Si è celebrata anche la storia del cinema ricordano importanti anniversari di film che hanno segnato l'immaginario collettivo. Momenti di tensione per il litigio in diretta  tra Will Smith, premiato come miglior attore protagonista, e Chris Rock per una sua battuta sulla moglie di Smith, malata di Alopecia. L'interprete di King Richard è salito sul palco e ha sferrato un pugno a Rock. Tornato al suo posto in platea, lo ha insultato pesantemente, ma le sue parole non si sono udite perché è stato disattivato l'audio. Poi, durante il suo discorso al ritiro della statuetta, Smith ha chiesto scusa all'Accademy per quanto successo: "L'arte imita la vita: sembro il padre pazzo, come dicevano di Richard Williams, un feroce difensore della sua famiglia. L'amore ti fa fare pazzie", ha dichiarato Smith.

RIASSUNTO DELLA SERATA

Ad aprire le danze della 94esima edizione dei Premi Oscar ci ha pensato Beyonce in una spettacolare performance del brano "Be Alive" tratto dal film King Richard. Orgogliose e rumorose le tre donne conduttrici della kermesse cinematografica, Regina Hall, Amy Schumer e Wanda Sykes che hanno fatto il loro ingresso con un monologo dove hanno ironizzato sulla disparità salariale di genere e sui protagonisti di Hollywood presenti al Dolby Theatre. Omaggio per i 60 anni di "Licenza di uccidere", il primo film della saga di James Bond, e omaggio a Il padrino che quest'anno compie 50 anni. Un minuto di silenzio per l'Ucraina, senza il tanto atteso discorso che avrebbe dovuto fare Zelensky in collegamento. Due donne che trionfano nelle due categorie più importanti: Jane Campion come miglior regista (la terza della storia del premio dopo Kathryn Bigelow e Chloè Zhao) e Sian Heder per i segni del cuore. Kenneth Branagh a sorpresa si porta a casa la statuetta come miglior sceneggiatura originale per Belfast. Will Smith, come da pronostici, vince il suo primo Oscar come miglior attore, mentre il premio per la miglior attrice viene assegnato a Jessica Chastain per il film Gli occhi di Tammy Faye. Troy Kotsur, per il film I segni del cuore, è il secondo attore sordo a vincere un Oscar nella storia del cinema.

TUTTI I PREMI OSCAR 2022

Miglior film

I segni del cuore

Miglior regia

Jane Campion per Il potere del cane

Miglior attore protagonista

Will Smith per Una famiglia vincente – King Richard

Miglior attrice protagonista

Jessica Chastain per Gli occhi di Tammy Faye

Miglior attore non protagonista

Troy Kotsur per I segni del cuore

Migliore attrice non protagonista

Ariana DeBose per West Side Story

Miglior sceneggiatura originale

Kenneth Branagh per Belfast

Miglior sceneggiatura non originale

Sian Eder per I segni del cuore

Miglior film internazionale

Drive my car

Miglior film d'animazione

Encanto (Disney)

Miglior montaggio

Joe Walker – Dune

Miglior scenografia

Patrice Vermette – Dune

Miglior fotografia

Greig Fraser – Dune

Migliori costumi

Jenny Beavan – Crudelia

Miglior Trucco e acconciatura

Gli occhi di Tammy Faye

Migliore colonna sonora originale

Hans Zimmer – Dune

Migliore canzone originale

No Time To Die di Billie Ellish


Argomenti

Chris Rock
cinema
Oscar
Will Smith

Gli ultimi articoli di Mario Vai

  • Verso i David di Donatello 2024, Il sol dell’avvenire: il canto del cigno del Nanni Cinematic Universe

    Verso i David di Donatello 2024, Il sol dell’avvenire: il canto del cigno del Nanni Cinematic Universe

  • Cannes 2024, Sorrentino, Coppola e Lanthimos in concorso. Hollywood latita dopo gli scioperi dello scorso anno

    Cannes 2024, Sorrentino, Coppola e Lanthimos in concorso. Hollywood latita dopo gli scioperi dello scorso anno

  • Cannes 2024, Coppola e Kostner in anteprima mondiale. A George Lucas il premio alla carriera

    Cannes 2024, Coppola e Kostner in anteprima mondiale. A George Lucas il premio alla carriera

  • Verso i David di Donatello 2024, C’è ancora domani di Paola Cortellesi: la speranza del cinema italiano

    Verso i David di Donatello 2024, C’è ancora domani di Paola Cortellesi: la speranza del cinema italiano

  • David di Donatello 2024, record di nomination per Paola Cortellesi e il suo C’è ancora domani che porta a casa 19 candidature

    David di Donatello 2024, record di nomination per Paola Cortellesi e il suo C’è ancora domani che porta a casa 19 candidature

  • Kung Fu Panda 4 conquista il box office. In Italia è il miglior esordio del 2024. Continua la marcia di Dune 2

    Kung Fu Panda 4 conquista il box office. In Italia è il miglior esordio del 2024. Continua la marcia di Dune 2

  • Yorgos Lanthimos ed Emma Stone di nuovo insieme in "Kinds of Kindness"

    Yorgos Lanthimos ed Emma Stone di nuovo insieme in "Kinds of Kindness"

  • Oscar 2024, Oppenheimer è il miglior film e vola con 7 nomination. Nulla da fare per Matteo Garrone e il suo Io Capitano

    Oscar 2024, Oppenheimer è il miglior film e vola con 7 nomination. Nulla da fare per Matteo Garrone e il suo Io Capitano

  • Verso gli Oscar 2024, American Fiction: contro l'industria culturale degli stereotipi

    Verso gli Oscar 2024, American Fiction: contro l'industria culturale degli stereotipi

  • Verso gli Oscar 2024, The Zone of Interest: una lettura iconoclasta della Shoah

    Verso gli Oscar 2024, The Zone of Interest: una lettura iconoclasta della Shoah