Nel 2020, almeno 50 giornalisti e operatori dei media sono stati assassinati, la maggior parte degli omicidi in Paesi non in guerra

29 dicembre 2020, ore 19:00

I dati sono contenuti un un rapporto di Reporter senza frontiere, l'84% dei giornalisti morti è stato deliberatamente preso di mira

Nel 2020, almeno 50 giornalisti e operatori dei media sono stati uccisi in tutto il mondo, la maggioranza in Paesi che non sono teatro di una guerra. i dati sono contenuti nel rapporto annuale di Reporter senza frontiere.


Presi di mira

Lo studio dell'associazione mostra che i giornalisti sono sempre più a rischio proprio a causa del loro lavoro. Circa l'84% dei reporter uccisi quest'anno è stato deliberatamente preso di mira, rispetto al 63% del 2019. I dati di quest'anno coprono il periodo dal 1 gennaio al 15 dicembre. I giornalisti che pubblicano articoli investigativi sono particolarmente vulnerabili agli attacchi. Dieci giornalisti sono stati uccisi dopo aver pubblicato indagini su casi di corruzione locale o uso improprio di fondi pubblici e quattro sono stati invece assassinati per le loro storie sulla criminalità organizzata. Inoltre, in quella che Reporter senza frontiere ha descritto come una nuova tendenza nel 2020, sette giornalisti sono stati uccisi mentre si occupavano di proteste organizzate. Il numero complessivo di omicidi è sceso rispetto ai 53 del 2019 anche per il fatto che meno giornalisti hanno lavorato sul campo a causa della pandemia Covid-19.


Omicidi anche in Paesi in pace

l rapporto rileva un preoccupante aumento degli omicidi di operatori dei media in paesi considerati in pace. Nel 2020, il 68% dei giornalisti uccisi lavorava in paesi che non erano in guerra. "Alcuni potrebbero pensare che i giornalisti siano solo le vittime dei rischi della loro professione, ma i giornalisti sono sempre più presi di mira quando indagano o trattano argomenti sensibili. Ciò che viene attaccato è il diritto di essere informati, che è un diritto di tutti", ha detto Christophe Deloire, segretario generale di Reporter senza frontiere.


I paesi più letali

Il Messico è stata la nazione più mortale per i giornalisti nel 2020 con otto reporter uccisi. Il Paese ha visto una media di 8-10 giornalisti uccisi ogni anno negli ultimi cinque anni. "I legami tra trafficanti di droga e politici rimangono, e i giornalisti che osano coprire queste o questioni correlate continuano ad essere l'obiettivo di omicidi barbari", si legge nel rapporto. Tra le vittime Julio Valdivia Rodríguez, un giornalista del quotidiano El Mundo, il cui corpo è stato trovato decapitato nello stato di Veracruz. Il corpo di Víctor Fernando Álvarez Chávez, direttore del sito di notizie locali Punto x Punto Noticias, invece, è stato fatto a pezzi nella città costiera di Acapulco. L'Iraq è stato il secondo paese più mortale, con sei vittime, seguito dall'Afghanistan, con cinque. 


Record di incarcerazioni

Il riepilogo di RSF è arrivato pochi giorni dopo che il Comitato per la protezione dei giornalisti ha riferito che il 2020 è stato l'anno peggiore mai registrato per l'incarcerazione di cronisti. A livello globale, almeno 274 giornalisti sono stati portati in prigione, rispetto al precedente record di 272 nel 2016. L'aumento è stato in gran parte dovuto al fatto che le nazioni autoritarie hanno arrestato i giornalisti che coprivano la pandemia e l'instabilità politica. Il numero di giornalisti incarcerati con l'accusa di aver segnalato "notizie false" sta lentamente aumentando e il 2020 è il quinto anno consecutivo in cui governi repressivi hanno imprigionato almeno 250 giornalisti. Zhang Zhan, la giornalista cinese indipendente che ha riferito da Wuhan al culmine dell'epidemia iniziale di coronavirus, è stata incarcerata per quattro anni da un tribunale di Shanghai. Secondo uno dei suoi avvocati difensori, Zhang Keke, è stata giudicata colpevole di "aver provocato litigi e guai". Il reato è comunemente usato dal governo cinese per prendere di mira dissidenti e attivisti per i diritti umani. In Etiopia, un cameraman Reuters, Kumerra Gemechu, è stato arrestato senza accusa il 24 dicembre e sarà tenuto in detenzione per almeno due settimane. Il governo etiope ha represso la libertà di stampa e ha approvato un blackout delle comunicazioni con l'escalation del conflitto nella regione del Tigray. 


Nel 2020, almeno 50 giornalisti e operatori dei media sono stati assassinati, la maggior parte degli omicidi in Paesi non in guerra
Tags: Afghanistan, giornalisti, giornalisti uccisi, Iraq, Messico, Reporter senza frontiere

Share this story: