Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Novara: bimbo di due anni morto, la Procura ha disposto il fermo della madre e del compagno della donna
-
-
- Roma: elezioni europee, oggi giornata di silenzio elettorale, domani si vota dalle 7.00 alle 23.00
- Gb: dimissioni premier May, il ministro della Sanità Hancock si candida a leadership partito conservatore
- Giappone: Donald Trump è a Tokyo per una visita di 4 giorni, incontrerà anche l'imperatore Naruhito
- Usa: muro al confine con Messico, schiaffo a Trump, giudice federale blocca parzialmente la costruzione
- Libia: scontri armati a Tripoli, Onu, è salito a 82.300 il numero degli sfollati dall'inizio di aprile
- Venezuela: rivolta in un carcere di Caracas, pesanti scontri tra detenuti e polizia, il bilancio è di 30 morti
- Mestre (Ve): Cgia, l'Inps e l'Inail pagano le imprese in ritardo e lo fa anche metà dei ministeri
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata testa in marmo di età imperiale, forse raffigurazione di Dioniso
- Cinema: Festival di Cannes, questa sera in programma la cerimonia di premiazione, Almodovar favorito
- Calcio: serie A, oggi ultima giornata del campionato, alle 18 Frosinone-Chievo, alle 20.30 Bologna-Napoli
- Calcio: New York Times, la Fiorentina sarebbe stata ceduta al miliardario Rocco Commisso
- F1: Gran Premio di Monaco, oggi in programma a Montecarlo le qualifiche, favorite le Mercedes
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 marzo 2019

Risvegliate le cellule di un mammut vissuto 28.000 anni fa

E' il risultato di uno studio condotto dalla Kindai University, le cellule sono state riportate in vita tramite la tecnica della clonazione

Riportate in vita con la tecnica della clonazione le cellule del mammut Yuka, vissuto 28.000 anni fa in Siberia e scoperto nel 2010. Isolate da midollo osseo e muscoli dell'animale e trasferite nell'ovocita di un topo, strutture cellulari simili al nucleo sono tornate a essere attive. Pubblicato sulla rivista Science Reports, il risultato si deve ai ricercatori guidati da Akira Iritani della giapponese Kindai University. Per risvegliare le cellule di questo animale, i cui resti si erano conservati quasi intatti nel suolo ghiacciato siberiano, è stata utilizzata una tecnica analoga a quella con cui è stata clonata la pecora Dolly. C'è comunque ancora tanta strada da fare prima di ottenere una rinascita in stile Jurassic Park di questa specie, estinta circa 4.000 anni fa. Né è questo l'obiettivo dei ricercatori, interessati a studiare le caratteristiche e le potenzialità di cellule così antiche. 

Risvegliate le cellule di un mammut vissuto 28.000 anni fa

Nell'esperimento i ricercatori hanno estratto le cellule dai resti di Yuka ottenendo 88 nuclei, ossia le strutture nelle quali è racchiuso il Dna; quindi hanno trasferito i nuclei in altrettanti ovociti di topo privati del loro nucleo originario. In questo nuovo ambiente, i nuclei delle cellule del mammut si sono risvegliate, mostrando i segni di attività che precedono la divisione cellulare. La piena attivazione dei nuclei per la divisione cellulare, e quindi per la formazione di un organismo, non è comunque avvenuta perché i nuclei non erano del tutto integri e questo, hanno rilevato gli autori della ricerca, mostra che è ancora presto per clonare il mammut con questa tecnica e che a tal fine è cruciale isolare cellule meno danneggiate.Tuttavia, concludono i ricercatori, lo studio dimostra che "i nuclei cellulari prelevati dai tessuti del mammut si sono, almeno in parte, conservati anche dopo 28.000 anni e che la loro attività cellulare può ancora essere risvegliata".