Stati Uniti, studio rileva, l'aria della metropolitana è fortemente contaminata da inquinanti pericolosi

13 febbraio 2021, ore 21:00
agg. 15 febbraio 2021, ore 10:52

Negli Stati Uniti un nuovo studio ha rilevato che l'aria che si respira nella metropolitana è fortemente inquinata, i passeggeri sono esposte ad alte concentrazioni di metalli pericolosi e inquinanti nocivi

I ricercatori della Grossman School of Medicine della New York University hanno effettuato uno studio sulla qualità dell’aria che si respira nella metropolitana di diverse città degli Stati Uniti giungendo a conclusione che i passeggeri e i lavoratori sono più suscettibili a malattie a lungo termine come asma, cancro ai polmoni e malattie cardiache a causa della qualità dell’aria che contiene concentrazioni di metalli pericolosi e tossine che variano da due a sette volte la quantità di aria fresca che viene immessa.

Lo studio finanziato da una sovvenzione del National Institute of Environmental Health Sciences e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, ha preso in esame l'aria che si respira nei sotterranei dei più grandi sistemi di transito nel nord-est di New York-New Jersey, Washington, Filadelfia e Boston


I risultati

I ricercatori hanno prelevato più di 300 campioni d'aria durante le ore di punta in quasi 70 stazioni. Secondo i risultati, il sistema PATH-New York e New Jersey ha misurato concentrazioni di particelle fino a 392 microgrammi per metro cubo. L'aria nelle stazioni MTA di New York misurava fino a 251 microgrammi per metro cubo. Metro, a Washington, aveva il livello successivo più alto, fino a 145 microgrammi per metro cubo. L'aria nelle stazioni di Boston misurava fino a 140 microgrammi per metro cubo, mentre Philadelphia aveva il sistema più pulito, misurando fino a 39 microgrammi per metro cubo, hanno detto i ricercatori.


La situazione a New York

Da quanto è emerso il sistema della metropolitana di New York è quello che contiene più inquinanti atmosferici delle altre prese in considerazione e la stazione Capitol South è risultata tra le cinque peggiori stazioni monitorate dai ricercatori, sorprendendo anche le autorità cittadine. I più colpiti dalla cattiva qualità dell’aria sono i lavoratori della metropolitana che devono passare diverse ore nei tunnel sotterranei. “Siamo ovviamente preoccupati”, ha detto il direttore esecutivo dell’Autorità portuale di New York, Rick Cotton, sottolineando che “Siamo totalmente impegnati a proteggere la salute e la sicurezza dei nostri lavoratori e approfondiremo questo aspetto, giungeremo alle conclusioni e, se necessario, svilupperemo un piano d'azione appropriato per affrontarli”.


Le città corrono ai ripari

Anche le altre città citate dallo studio stanno correndo ai ripari per migliorare la qualità dell'aria sotterranea. A Washington, Metro sta aggiornando il sistema di filtraggio dell’aria di tutti i 308 sistemi di condizionamento. “Metro testa regolarmente la qualità dell'aria nei tunnel, nelle stazioni e nei chioschi dei gestori delle stazioni e i test più recenti condotti lo scorso autunno hanno mostrato la qualità dell'aria entro i limiti di esposizione professionale dell'OSHA (l'ente che si occupa della sicurezza sul lavoro negli Stati Uniti)”, ha detto il portavoce della società che gestisce i trasporti pubblici di Washington, Ian Jannetta. Inoltre sono in corso lavori per testare un filtraggio più rigoroso nei vagoni ferroviari.

Miglioramenti e rinnovamento del sistema di ventilazione dell’aria sono in corso presso la stazione di Back Bay a Boston, ha affermato Lisa Battiston, portavoce della Massachusetts Bay Transportation Authority. “La salute e la sicurezza dei passeggeri e della forza lavoro è una priorità assoluta per l'MBTA, comprese le questioni che riguardano la ventilazione e la qualità dell'aria all'interno delle sue stazioni e sulle aree dei binari”, ha detto Battiston. Anche la Southeastern Pennsylvania Transportation Authority, sta migliorando i propri sistemi. Lo studio sulla qualità dell'aria ha avuto avvio all'inizio del 2020 poco prima della pandemia di coronavirus, prima che si riducessero al minimo storico, in tutti gli Stati Uniti, i passeggeri in transito nelle metropolitane. I risultati hanno però dato l’input per migliorare i sistemi di filtraggio dell’aria nei tunnel e a bordo dei convogli, anche per limitare la diffusione di virus e altri agenti patogeni.


Le scoperte dei ricercatori

In diverse stazioni del sistema di trasporto pubblico, i ricercatori hanno trovato almeno il doppio delle tossine presenti nell'aria all’interno dei tunnel della metropolitana rispetto a quella esterna. Tra gli elementi presenti, il ferro e il carbonio organico particolato costituivano i tre quarti degli inquinanti trovati. Soprattutto quest’ultimo, è stato collegato a un aumento del rischio di asma, cancro ai polmoni e malattie cardiache, secondo lo studio. “I nostri risultati si aggiungono alla prova che le metropolitane espongono milioni di pendolari e dipendenti di transito agli inquinanti atmosferici ad alti livelli e rappresentano seri rischi per la salute nel tempo”, ha detto in una nota David G. Luglio, l'autore principale dello studio.


Stati Uniti, studio rileva, l'aria della metropolitana è fortemente contaminata da inquinanti pericolosi
Tags: Boston, Washington, Inquinamento dell'aria, metropolitana, New York

Share this story: