Terrore in una scuola di Abbiategrasso, un ragazzo armato ferisce una insegnante, poi viene fermato dai Carabinieri

Terrore in una scuola di Abbiategrasso, un ragazzo armato ferisce una insegnante, poi viene fermato dai Carabinieri

Terrore in una scuola di Abbiategrasso, un ragazzo armato ferisce una insegnante, poi viene fermato dai Carabinieri Photo Credit: agenziafotogramma.it


L'insegnante di 51 anni è stata ferita lievemente a un braccio; il sedicenne ha minacciato i compagni con una pistola, forse giocattolo. Sono intervenuti i carabinieri che lo hanno disarmato

UN SEDICENNE ARMATO A SCUOLA

L’episodio è avvenuto questa mattina intorno alle otto e mezza presso l’istituto Emilio Alessandrini ad Abbiategrasso, in provincia di Milano. Secondo una prima ricostruzione, uno studente di 16 anni è entrato a scuola in via Einaudi armato con una pistola e un coltello. Il giovane aggressore ha accoltellato un’insegnante di 51 anni; si è poi barricato in una classe con alcuni compagni, minacciandoli con la pistola, che però pare fosse un giocattolo; è possibile ci sia stata una colluttazione, nella quale è rimasto ferito anche lui.

SOLO FERITE LIEVI

Si sono vissuti attimi di panico e terrore, qualcuno è riuscito a dare l’allarme e sono stati chiamati i Carabinieri, che sono arrivati nel giro di pochi minuti. L’aggressore è stato poi bloccato e disarmato dagli agenti dell’Arma. I feriti non sono in gravi condizioni: la professoressa ha riportato un taglio a un braccio, il sedicenne ha riportato ferite leggere, entrambi sono comunque stati soccorsi dal personale del 118 che è intervenuto sul posto.

L'INCUBO AMERICANO

L’episodio, con esiti decisamente meno drammatici, ha riportato alla mente le aggressioni armate che nelle scuole degli Stati Uniti sono diventate una drammatica consuetudine. In quei casi le armi sono vere, e ogni anno viene pagato un conto salatissimo in termini di vite umane. Recentemente si è vissuto un drammatico episodio anche in Serbia, con un ragazzo di nemmeno 14 anni che ha fatto una strage in una scuola della capitale Belgrado: nove le vittime.


MATTINATA DI PAURA

Nella scuola di Abbiategrasso le cose per fortuna non sono degenerate, ma lo spavento è stato grande. Non è difficile immaginare lo choc di studenti, insegnanti e personale scolastico. Presso l’Istituto Iss Emilio Alessandrini di Abbiategrasso questa mattina le lezioni di fatto sono state sospese. Oggi si parla e si cerca di elaborare quanto è accaduto, alle materie tradizionali si penserà domani.



Argomenti

ABBIATEGRASSO
AGGRESSIONE
ARMI
SCUOLA

Gli ultimi articoli di Paolo Pacchioni

  • GIRO D’ITALIA, ANCORA JONATHAN MILAN! VINCE ANCHE A CENTO

    GIRO D’ITALIA, ANCORA JONATHAN MILAN! VINCE ANCHE A CENTO

  • GIRO, A FANO GRANDE VITTORIA DEL FRANCESE ALAPHILIPPE

    GIRO, A FANO GRANDE VITTORIA DEL FRANCESE ALAPHILIPPE

  • Giro, Jonathan Milan vince in volata a Francavilla al mare

    Giro, Jonathan Milan vince in volata a Francavilla al mare

  • Giro d'Italia, a Cusano Mutri vince il francese Valentin Paret Peintre, giornata tranquilla per Pogacar

    Giro d'Italia, a Cusano Mutri vince il francese Valentin Paret Peintre, giornata tranquilla per Pogacar

  • Il Giro d'Italia a Caivano, iniziativa sociale nel giorno di riposo

    Il Giro d'Italia a Caivano, iniziativa sociale nel giorno di riposo

  • GIRO D’ITALIA, A NAPOLI VINCE L’OLANDESE KOOJ

    GIRO D’ITALIA, A NAPOLI VINCE L’OLANDESE KOOJ

  • Giro d’Italia, ancora Pogacar! Lo sloveno vince anche a Prati di Tivo

    Giro d’Italia, ancora Pogacar! Lo sloveno vince anche a Prati di Tivo

  • Giro: Pogacar senza freni, la maglia Rosa vince anche la cronometro

    Giro: Pogacar senza freni, la maglia Rosa vince anche la cronometro

  • Giro, lo spagnolo Pelajo Sanchez vince la tappa con lo sterrato

    Giro, lo spagnolo Pelajo Sanchez vince la tappa con lo sterrato

  • Giro: vittoria francese a Lucca, successo per Thomas, rammarico per gli italiani Milan e Pietrobon

    Giro: vittoria francese a Lucca, successo per Thomas, rammarico per gli italiani Milan e Pietrobon