Turetta disumano e pericoloso, Giulia aggredita in due fasi. Lo scrive il GIP nell'ordinanza

Turetta disumano e pericoloso, Giulia aggredita in due fasi. Lo scrive il GIP nell'ordinanza

Turetta disumano e pericoloso, Giulia aggredita in due fasi. Lo scrive il GIP nell'ordinanza Photo Credit: agenziafotogramma.it


Secondo gli inquirenti, Filippo Turetta colpevole di un gesto folle e sconsiderato dopo una vita condotta all'insegna dell'apparente normalità. Ha dimostrato una totale incapacità di autocontrollo

DISUMANO E PERICOLOSO

Omicidio volontario aggravato e sequestro di persona. Sono queste le accuse di cui dovrà rispondere Filippo Turetta, che si trova in un carcere tedesco in attesa di venire estradato in Italia. Secondo il giudice per le indagini preliminari di Venezia, Benedetta Vitolo, il giovane deve restare in carcere per la sua pericolosità sociale. In un passaggio dell’ordinanza viene definito disumano per come si è scagliato contro la giovane donna con cui aveva vissuto una relazione sentimentale. E si aggiunge che – avendo dimostrato una totale incapacità di autocontrollo- potrebbe uccidere ancora: “ Turetta con questa aggressione a più riprese e di inaudita ferocia ai danni della giovane fidanzata, prossima alla laurea, ha dimostrato una totale incapacità di autocontrollo. Elementi idonei a fondare un giudizio di estrema pericolosità e desta allarme, i femminicidi sono all'ordine del giorno. Turetta appare imprevedibile, perché dopo aver condotto una vita all'insegna di un'apparente normalità, ha improvvisamente posto in essere questo gesto folle e sconsiderato".


L'AGGRESSIONE IN DUE FASI

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Giulia Cecchettin è stata accoltellata la prima volta da Filippo Turetta mentre si trovava alle 23.15 di sabato 11 novembre nel parcheggio davanti alla sua casa. Poi, dopo averla immobilizzata probabilmente con del nastro adesivo, ha spinto l'ex fidanzata in auto, ha raggiunto in pochi minuti la zona industriale di Fossò, e qui l'ha aggredita nuovamente, mentre lei tentava una fuga, uccidendola. La morte sarebbe sopraggiunta in quel momento per uno choc emorragico. La ricostruzione, secondo il GIP, evidenzia una nitida volontà di uccidere. Le immagini delle varie telecamere disseminate sul territorio hanno consentito una ricostruzione attimo per attimo di quelle drammatiche ore: la lite, il delitto, l’occultamento del cadavere e una lunga fuga finita in Germania dopo più di mille chilometri alla guida.



Argomenti

Filippo Turetta
GIP Venezia
Giulia Cecchettin
ordinanza

Gli ultimi articoli di Paolo Pacchioni

  • Giro d’Italia, Roma incorona Pogacar, a Merlier la volata di Roma

    Giro d’Italia, Roma incorona Pogacar, a Merlier la volata di Roma

  • Il dominatore Tadej Pogacar impone la sua legge anche a Bassano del Grappa

    Il dominatore Tadej Pogačar impone la sua legge anche a Bassano del Grappa

  • A SAPPADA BELLA VITTORIA DI ANDREA VENDRAME

    A SAPPADA BELLA VITTORIA DI ANDREA VENDRAME

  • Giro d’Italia, a Padova vince il belga Merlier, secondo posto per Jonathan Milan

    Giro d’Italia, a Padova vince il belga Merlier, secondo posto per Jonathan Milan

  • Giro d’Italia, Pogacar concede una tregua, vince il tedesco Steinhauser

    Giro d’Italia, Pogacar concede una tregua, vince il tedesco Steinhauser

  • Giro d’Italia, incontenibile Pogacar, cala il pokerissimo

    Giro d’Italia, incontenibile Pogacar, cala il pokerissimo

  • POGACAR! SEMPRE E SOLO POGACAR AL GIRO D’ITALIA

    POGACAR! SEMPRE E SOLO POGACAR AL GIRO D’ITALIA

  • GIRO, FILIPPO GANNA CE L’HA FATTA, VINTA LA CRONOMETRO

    GIRO, FILIPPO GANNA CE L’HA FATTA, VINTA LA CRONOMETRO

  • GIRO D’ITALIA, ANCORA JONATHAN MILAN! VINCE ANCHE A CENTO

    GIRO D’ITALIA, ANCORA JONATHAN MILAN! VINCE ANCHE A CENTO

  • GIRO, A FANO GRANDE VITTORIA DEL FRANCESE ALAPHILIPPE

    GIRO, A FANO GRANDE VITTORIA DEL FRANCESE ALAPHILIPPE