Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: in arrivo sulle regioni italiane freddo e vento, una corrente gelida proveniente dalla Russia porterà a un forte calo delle temperature
- Francia: manifestazioni in tutto il Paese contro il caro carburante, a Pont de Beauvoisin una manifestante è morto travolta da un auto
- Roma: in corso l'Assemblea Nazionale del Pd per le date di Congresso e Primarie, l'ex ministro Minniti non ha sciolto la riserva sulla corsa alla segreteria
- Stati Uniti: il presidente Trump oggi visiterà le zone della California devastate dagli incendi, 71 morti, mille i dispersi
- Trapani: confiscati beni per un valore di 21 milioni di euro a due imprenditori, sono ritenuti legati al boss latitante Matteo Messina Denaro
- Calcio: questa sera a Milano Italia-Portogallo per la Nations League, in 70mila a San Siro, tutti i goal e le emozioni in diretta su Rtl 102.5
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
21 ottobre 2018

Uliveto, la pubblicità sulle azzurre diventa un caso sul web

L'ufficio commerciale dell'azienda è accusato di razzismo per la grande bottiglia verde che nasconde l'immagine di Paola Egonu

Su molti giornali nazionali, stamattina, è apparsa la pubblicità di Uliveto, che celebra l’argento conquistato dalla Nazionale di volley. La pagina è finita nel mirino del web, dove è pioggia di proteste per la grande bottiglia verde con il logo dello sponsor che campeggia proprio su due atlete azzurre. Un dettaglio che nasconde l’immagine di Paola Egonu, la pallavolista di colore simbolo del torneo. Tanto è bastato a scatenare un boomerang per il marchio, accusato di razzismo. La foto utilizzata, e poi impaginata con la scritta: “Le campionesse del volley bevono Uliveto”, tra l’altro non risale agli ultimi Mondiali, ma è una foto d’archivio. 

Uliveto, la pubblicità sulle azzurre diventa un caso sul web

La replica arriva dal direttore marketing del gruppo: "Il fatto che non ci siano Paola Egonu e Miriam Sylla è del tutto casuale - spiega Patrizio Catalano Gonzaga - perché le foto per la pubblicità ci vengono fornite dalla Federazione Italiana volley. Nel cercare di alternare le immagini, ne è stata scelta una in cui ci fosse anche il tricolore, ma poiché non ce n'era a disposizione una della finale, è stata usata una foto d'archivio". Per il dirigente non si può parlare di razzismo: "Ma come si può pensare che un'azienda come la nostra cancelli di proposito due atlete? È assurdo, noi le campionesse come Egonu e Sylla le promuoviamo, siamo davvero sconcertati e amareggiati".