Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Sri Lanka: almeno 215 morti negli attentati che hanno insanguinato il Paese, otto le esplosioni tra la capitale Colombo e i dintorni, gli attacchi in 3 chiese e 3 hotel, tra le vittime 35 stranieri, 7 arresti
- Roma: Farnesina a lavoro per verificare se ci siano italiani coinvolti nelle esplosioni in Sri Lanka, per ora nessuna conferma
- Vaticano: Papa Francesco su attacchi in Sri Lanka, tristezza per gravi attentati, vicino a vittime di crudele violenza
- Usa: New York Times, Boeing ignorò le segnalazioni dei dipendenti sul 787 dreamliner, due aerei sono caduti in cinque mesi
- Genova: uomo di 56 anni uccide a martellate il padre di 91 e poi tenta il suicidio, ora è in ospedale ferito
- Tennis: Montecarlo, in corso la finale tra Fabio Fognini e il serbo Dusan Lajovic, l'azzurro vince il primo set per 6-3
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
21 ottobre 2018

Uliveto, la pubblicità sulle azzurre diventa un caso sul web

L'ufficio commerciale dell'azienda è accusato di razzismo per la grande bottiglia verde che nasconde l'immagine di Paola Egonu

Su molti giornali nazionali, stamattina, è apparsa la pubblicità di Uliveto, che celebra l’argento conquistato dalla Nazionale di volley. La pagina è finita nel mirino del web, dove è pioggia di proteste per la grande bottiglia verde con il logo dello sponsor che campeggia proprio su due atlete azzurre. Un dettaglio che nasconde l’immagine di Paola Egonu, la pallavolista di colore simbolo del torneo. Tanto è bastato a scatenare un boomerang per il marchio, accusato di razzismo. La foto utilizzata, e poi impaginata con la scritta: “Le campionesse del volley bevono Uliveto”, tra l’altro non risale agli ultimi Mondiali, ma è una foto d’archivio. 

Uliveto, la pubblicità sulle azzurre diventa un caso sul web

La replica arriva dal direttore marketing del gruppo: "Il fatto che non ci siano Paola Egonu e Miriam Sylla è del tutto casuale - spiega Patrizio Catalano Gonzaga - perché le foto per la pubblicità ci vengono fornite dalla Federazione Italiana volley. Nel cercare di alternare le immagini, ne è stata scelta una in cui ci fosse anche il tricolore, ma poiché non ce n'era a disposizione una della finale, è stata usata una foto d'archivio". Per il dirigente non si può parlare di razzismo: "Ma come si può pensare che un'azienda come la nostra cancelli di proposito due atlete? È assurdo, noi le campionesse come Egonu e Sylla le promuoviamo, siamo davvero sconcertati e amareggiati".